Archivio per la categoria Uruguay

Uruguay: Un’altra del “progressista” Mujica, appoggia Tabaré Vázquez nel suo avvicinamento all’Alleanza del Pacifico guidata dagli USA

Pepe Mujica ha sostenuto il presidente Tabaré Vázquez e l’avvicinamento del governo all’Alleanza del Pacifico. “Non mi spaventa quello che riguarda l’Alleanza del Pacifico. Mi sembra che il paese debba lottare per aprire delle porticine”, ha detto in una intervista con Subrayando. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Uruguay: Gli studenti hanno sfilato in difesa dell’educazione pubblica

È giunto il momento, lottiamo per il 6%.

Gli studenti si sono mobilitati giovedì 15 giugno per chiedere il 6% del Prodotto Interno Lordo (PIL) per l’ANEP (Amministrazione Nazionale dell’Educazione Pubblica) e l’UDELAR (Università della Repubblica). Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

“Quello che sta facendo Almagro attraverso l’OEA è un pericolo, non solo per il Venezuela, ma per tutto il continente”

Dichiarazioni dell’ex presidente uruguayano José Mujica che si pone, come dice lui, su posizioni di centro sinistra o sinistra centro, ma lontani dalla destra. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Autocritiche femministe e movimenti antisistema

Raúl Zibechi

La vitalità di un movimento, come quella di qualsiasi essere vivo, può essere constatata dalla sua capacità di cambiare, modificare, esercitare la critica e l’autocritica, qualcosa così dimenticato dalle vecchie sinistre. Una caratteristica di ciò che è invecchiato è la ripetizione, l’inerzia e l’incapacità di muoversi dal luogo scelto.

Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Uruguay: Affollato corteo per l’uguaglianza di genere e contro il patriarcato, 250 mila donne hanno sfilato a Montevideo

“La paura è diventata forza e lotta”, diceva uno dei molti cartelli, la maggioranza dipinti a mano, che portavano le manifestanti.

Una donna vestita completamente di nero, colore dominante della manifestazione, portava un altro cartello che chiedeva “No. Non più. Non uccidere. Non uccidere più”.

Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Uruguay: Chi può vivere con salari di 15 mila pesos? Sbarrati i supermercati

Lavoratori dei supermercati si mobilitano per un salario minimo di 20 mila pesos.

Chi può vivere con salari al di sotto di $ 15.000, $ 20.000 o $ 30.000 pesos uruguaiani???

Prosegui la lettura »

Nessun commento

Migliaia di persone alla 21ª Marcia del Silenzio

Montevideo, Uruguay. Con una partecipazione di massa, nella notte di venerdì scorso è stata effettuata la 21ª Marcia del Silenzio, capeggiata come sempre dalle Madri e Familiari dei Detenuti Scomparsi, ma quest’anno con uno striscione con la parola d’ordine: “Loro in noi. Contro l’impunità di ieri e oggi. Verità e Giustizia!”. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Gravi incidenti, feriti e arresti nello sgombero degli studenti secondari che occupavano la sede del Codicen

Alla fine, la polizia del Governo del “progressista” Tabaré Vázquez è entrata e ha allontanato gli studenti della secondaria che da venerdì occupavano la sede del Consiglio Direttivo Centrale dell’Amministrazione Nazionale dell’Educazione Pubblica (CODICEN), a Colonia e nell’Avenida del Libertador, Montevideo, mentre nei dintorni si registravano gravi incidenti, con lanci di pietre e il solito modo di agire delle forze di scontro del Ministero degli Interni. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

I dieci giorni che hanno scosso l’Uruguay

Raúl Zibechi

Fin dai primi giorni di agosto il governo uruguayano negoziava la sua partecipazione al TISA (Trade in Services Agreement) per deregolamentare servizi e commerci, con un forte sostegno del ministro dell’Economia, Danilo Astori, e si predisponeva ad approvare il bilancio quinquennale, nonostante le resistenze di alcuni sindacati, in particolare dell’educazione. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Uruguay, Montevideo: Migliaia di persone hanno sfilato per l’Acqua, in difesa della Terra e della Vita

Oggi l’Assemblea Nazionale Permanente è di nuovo mobilitata. Siamo un gruppo di collettivi sociali e individui organizzati in modo orizzontale, indipendenti da partiti politici, ONG e dallo stato. Un’altra volta abbiamo occupato la strada per denunciare le nefaste conseguenze di questo modello di sviluppo che privilegia il guadagno di fronte alla vita. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Raúl Zibechi: “Il progressismo così come lo abbiamo conosciuto è già finito”

Sebastián Orrego

Sebastián Orrego dall’Uruguay. A colloquio con Marcha, lo scrittore e giornalista uruguayano Raúl Zibechi analizza il panorama che si apre con il ritorno alla presidenza di Tabaré Vázquez. Prevede un maggiore riavvicinamento agli USA e l’arretramento in alcune politiche progressiste. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Uruguay: Il Fronte Ampio ha raggiunto la vetta

Raúl Zibechi

Foto: Nicolás Celaya

Per la terza volta il Fronte Ampio ha vinto. Che significa giungere in vetta? Come ragionare sulle elezioni? L’analisi di Raúl Zibechi.

Prosegui la lettura »

Nessun commento

Raúl Zibechi: “Il ciclo progressista in Sudamerica è terminato”

Il giornalista e scrittore uruguayano, Raúl Zibechi, ha conversato con L’Ombelico del Mondo, programma internazionale di Radionauta FM 106.3 e ha analizzato le recenti elezioni in Brasile ed Uruguay. Il suo punto di vista riguardo al futuro della regione.

Prosegui la lettura »

Nessun commento

Uruguay: Il Fronte Ampio fa a pezzi i sondaggi e mantiene la maggioranza nel Parlamento

Nelle elezioni di domenica il Fronte Ampio (FA) ha ottenuto la maggioranza assoluta in ambedue le camere del Parlamento uruguayano, qualcosa che non avevano anticipato i sondaggi preventivi né quelli realizzati fuori dalle urne, ma che oggi è stato confermato con le cifre del conteggio ufficiale di verifica dei voti.

Prosegui la lettura »

Nessun commento

Uruguay: L’azione militare di Israele a Gaza non è genocidio, dice il candidato della “sinistra”

Il candidato presidenziale del Fronte Ampio, Tabaré Vázquez, ha espresso l’opinione che l’ultima azione militare di Israele nella Striscia di Gaza, che ha causato migliaia di morti civili, non costituisca un “genocidio” come lo hanno giudicato l’attuale presidente della Repubblica, José Mujica, e il suo compagno di compagine Raúl Sendic.

Prosegui la lettura »

Nessun commento