Argentina: A Trelew hanno liberato le dieci detenute durante l’Incontro Plurinazionale delle Donne

“Ci hanno schiacciate a calci, ci hanno distrutte a bastonate”, hanno denunciato.

Le dieci partecipanti al 33° Incontro Nazionale delle Donne che ieri sono state arrestate durante la selvaggia razzia e la successiva repressione nel centro della città di Trelew, Chubut, sono state liberate questa mattina. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Argentina: Repressione, arrestate e ferite dopo il corteo dell’Incontro Plurinazionale delle Donne

Il corteo era concluso, la polizia provinciale ha dispiegato le sue forze, incluse quelle a cavallo, e hanno cominciato a reprimere le partecipanti all’incontro con proiettili di gomma, ci sono delle donne arrestate e ferite. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Nicaragua: Denuncia dell’Articolazione Femminista del Nicaragua

Comunicato Articolazione Femminista del Nicaragua

Noi femministe nicaraguensi condanniamo la scalata repressiva del Regime di Ortega e Murillo. Questa mattina del 14 ottobre, quando dozzine di persone incominciavano a riunirsi per dare inizio alla manifestazione civica “Uniti per la Libertà”, Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Nicaragua: Corteo dell’opposizione impedito da numerosi arresti

A Camino de Oriente la polizia detiene dei manifestanti.

La Polizia Nazionale ha detenuto i manifestanti che si riunivano a Camino de Oriente, per partecipare al corteo dell’opposizione “Uniti per la libertà”. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

“In questo paese noi stiamo morendo tutti”

Magali Espinosa/Damián Mendoza

Raquel Mosqueda Rivera, ricercatrice della UNAM, segnala che il dialogo evita uno scontro di generi.

È necessaria una riflessione sulle molestie e la violenza di genere per fermare il femminicidio. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Gli universitari riempiono le strade della Colombia per l’Educazione Pubblica

Studenti e professori delle università pubbliche della Colombia, hanno denunciato la politica di definanziamento da parte dello stato colombiano. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Brasile: Bolsonaro e i suoi seguaci torturano e assassinano per intimorire il popolo

Giovanna Costanti

La violenza politica pro-Bolsonaro cresce dopo il primo turno.

Una posizione contraria a Bolsonaro è già sufficiente a che uomini e donne siano vittime di violenza. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Iván Márquez e la sua confusa Lettera Aperta

Gearóid Ó Loingsigh

L’allora comandante delle FARC, Iván Márquez, ha messo fine al proprio silenzio con una lettera aperta, firmata anche da El Paisa, alla Commissione di Pace del Senato. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Brasile: In mezzo ad una ondata di violenza, Bolsonaro mantiene un vantaggio su Haddad

Secondo Datafolha, ambedue assorbono i voti degli altri candidati in proporzioni uguali.

Dall’Istituto sono stati intervistati 3.235 elettori, in 227 municipi brasiliani. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Brasile: Leonardo Boff: “Ora unità, non possiamo confonderci”

Leonardo Boff

Il Brasile non sta solo attraversando una crisi molto grave: ha questo nazista, questo fascista, che mira ai diritti del popolo, ora al ballottaggio. E, di fronte a questa situazione, sarebbe realmente tragico che alcuni settori del campo popolare facessero prevalere il loro rifiuto verso il Partito dei Lavoratori: Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Lettera di Iván Márquez e di “El Paisa” sull’applicazione dell’accordo di pace

Gli ex capi guerriglieri hanno inviato la missiva, di poco più di tre pagine, alla Commissione di Pace dove fanno un racconto di come è stato il processo di pace e degli impegni che dal medesimo sono derivati. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Brasile: Travolgente avanzata della nuova destra

Raúl Zibechi

Con quasi la metà dei voti (46%) l’ex capitano Jair Bolsonaro vince quasi venti milioni di suffragi a Fernando Haddad e si colloca in ottime condizioni per essere eletto presidente al secondo turno, da realizzarsi il 28 ottobre. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Brasile: Unità antifascista

Lois Pérez Leira

I risultati elettorali di queste elezioni in Brasile sono molto preoccupanti. Da un lato il processo elettorale è stato nelle mani di uno pseudo governo democratico, frutto di un golpe morbido. Mentre Lula è stato proscritto, poco prima delle elezioni. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

In Argentina gli studenti secondari rifiutano i tagli

Gli studenti secondari hanno sfilato, lo scorso 3 ottobre, dal Palazzo Pizzurno fino alla sede del Ministero dell’Educazione della Città di Buenos Aires. I Centri degli Studenti delle varie scuole di questa città, organizzati nel Coordinamento degli Studenti di Base (CEB), hanno protestato contro il taglio del bilancio dell’educazione che il PRO (Proposta Repubblicana) si proponeva di approvare per l’anno prossimo. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Sciopero nelle prigioni degli Stati Uniti

Carolina Saldaña

Lo Sciopero Nazionale del 2018 nelle prigioni di tutte le parti degli Stati Uniti è iniziato il 21 Agosto Nero, l’anniversario dell’assassinio di George Jackson nella prigione di San Quintín in California, ed è terminato il 9 settembre, 47 anni dopo la ribellione nella prigione di Áttica, NY. Due date storiche nel movimento rivoluzionario dentro le prigioni del paese. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento