In Nicaragua aumenta la repressione contro le proteste per la riforma dell’INSS

M. Fernández

Una ventina di giovani assassinati, più di quaranta scomparsi e centinaia di persone ferite sono le vittime riportate delle proteste di studenti e pensionati che da quattro giorni sono represse in Nicaragua dalla Polizia Nazionale e dalla Gioventù Sandinista. Il presidente del paese, Daniel Ortega, non ha espresso le proprie condoglianze alla popolazione, priva il Governo di ogni responsabilità e incolpa le reti sociali di incitare alla violenza. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Díaz-Canel Presidente

Javier Ortiz

Un giorno prima di compiere 58 anni, Miguel Díaz-Canel è stato eletto Presidente di Cuba. Tecnicamente parlando, Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, titolo che la Costituzione del 1976 dà al capo di stato e del governo. È la medesima carica che hanno ricoperto a loro tempo Fidel e Raúl Castro. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Scontri tra antisommossa e cittadini lasciano almeno sette morti in Nicaragua

In tutto il paese si sono registrati anche centinaia di feriti e un alto numero di detenuti per la repressione della polizia. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Uccisa Olivia Arevalo Lomas, leader dei popoli indigeni del Perù

Dominella Trunfio

Uccisa con cinque proiettili in pieno giorno per aver difeso i diritti culturali e ambientali del popolo Shipibo Konibo. Addio a Olivia Arevalo Lomas, insegnante e leader morta in Perù. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Immagini che compromettono la Gendarmeria

Adriana Meyer

Página/12 ha avuto accesso ad un video dei gendarmi prima dell’operazione che terminò con la morte di Maldonado. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Innocente o colpevole?

Raúl Zibechi

La sinistra ha serrato le fila intorno a Lula, affermando la sua innocenza. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Il Presidente ecuadoriano sospende la condizione di garante dei Dialoghi di Pace colombiani

Il Presidente ecuadoriano, Lenín Moreno, ha dichiarato di aver ordinato alla sua cancelliera di sospendere il ruolo del vicino paese di garante dei Dialoghi di Pace tra l’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN) e il Governo colombiano, che attualmente si svolgono a Quito, capitale di quel paese. Allo stesso tempo, ha ordinato di fermare le conversazioni e ha posto delle condizioni all’ELN per la loro continuazione. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

L’Ecuador smette di essere il garante dei negoziati con l’ELN

Così lo ha annunciato a NTN24 il presidente del vicino paese, Lenín Moreno, durante una intervista. La decisione si basa sulle recenti azioni terroriste che sono avvenute alla frontiera. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Solidarietà con il popolo e il governo dell’Ecuador

Delegazione dei Dialoghi dell’ELN

Esprimiamo la nostra solidarietà al Governo e al fratello popolo ecuadoriano, di fronte all’aggressione di gruppi di narcotrafficanti, che hanno assassinato i due giornalisti e il loro autista. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Validità e importanza degli ideali di Emiliano Zapata

Organizzazioni e movimenti sociali contadini messicani mantengono l’eredità e gli ideali di Emiliano Zapata.

A 99 anni dal suo assassinio, l’eredità e la lotta del dirigente della Rivoluzione Messicana, Emiliano Zapata, continuano ad essere validi in Messico e nel mondo. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Guilherme Boulos, dirigente sociale e precandidato presidenziale: “Il Brasile vive la più grave crisi democratica dalla fine della dittatura”

Lucio Garriga e Gerardo Szalkowicz

Intervista a Guilherme Boulos*, dirigente sociale e precandidato presidenziale. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Il werken José Huenchunao e il caso del machi Celestino: “Se il governo decide di non negoziare, lo scontro aumenterà”

Questo lunedì, a Temuco c’è stato un affollato corteo a sostegno del machi (figura di medico, religioso, consigliere, ndt) Celestino Córdova che oggi compie 87 giorni di sciopero della fame, chiedendo il trasferimento di 48 ore nella sua comunità per poter rinnovarsi attraverso il rehue (altare sacro, ndt). Per questo venerdì 13 aprile sono state convocate in tutto il paese nuove manifestazioni. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Continuano la violenza e gli sgomberi nell’Antioquia contro le comunità danneggiate dalla Hidroituango

Il Movimento Ríos Vivos ha dichiarato che, durante uno sgombero da parte della Polizia Nazionale a Sabanalarga, Antioquia, i danneggiati dal progetto idroelettrico Hidroituango sono stati attaccati con proiettili di gomma e gas lacrimogeni, nello stesso momento in cui venivano segnalati come “guerriglieri”. Hanno dichiarato che 6 persone sono state ferite e che le autorità non erano presenti. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Honduras: A 25 mesi dall’omicidio di Berta Cáceres i mandanti sono ancora liberi

Giorgio Trucchi

In giugno l’inizio del processo per le persone coinvolte nel crimine della dirigente indigena. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Il Presidente dell’Ecuador conferma l’assassinio dei tre giornalisti sequestrati

Oggi a mezzogiorno, il Presidente dell’Ecuador, Lenín Moreno, ha confermato l’assassinio dei tre giornalisti ecuadoriani sequestrati dal Fronte Oliver Sinisterra, gruppo dissidente delle vecchie Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, sono stati assassinati. L’Ecuador è in lutto e con quel paese tutta la comunità dei giornalisti a livello internazionale. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento