Comandante Antonio García: “Prima o poi dobbiamo tornare ai colloqui per cercare la pace con cambiamenti”

Comandante Antonio García

Dopo la realizzazione dell’operazione militare nella Scuola dei Cadetti General Santander lo scorso 17 gennaio 2019, il governo nazionale prende la decisione di rompere il tavolo di dialogo tra il governo e l’ELN, e di non rispettare i protocolli di rottura pattuiti tra le parti e accompagnati dai paesi garanti. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Gioconda Belli: “La sinistra ha una vena autoritaria che non posso continuare a giustificare”

Lorena G. Maldonado

Gioconda Belli (Nicaragua, 1948) ha qualcosa della sciamana: per il ciondolo turchese ed enorme che le pende al centro del petto, per i capelli selvaggi, per la vicinanza saggia con cui guarda il mondo e lo traduce agli sviati. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Brasile: 60 morti confermate al quarto giorno di ricerche a Brumadinho

Mauro Pimentel

I gruppi di soccorso continuano a lavorare sul luogo. Altre 192 persone sono state trovate in vita e 292 continuano ad essere scomparse. I gruppi di soccorso entrano nel quarto giorno di lavoro nella regione di Brumadinho (MG). Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Verso la guerra civile in Venezuela

Proponiamo un articolo scritto da Raul Zibechi sulla questione venezuelana. Una riflessione che inserisce gli accadimenti di queste settimane in un contesto geopolitico in trasformazione, in particolare rispetto alla crisi dell’egemonia globale statunitense. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Il Coordinamento Arauco Malleco rivendica 4 sabotaggi contro l’Industria Forestale

Wallmapu / Mediante un comunicato pubblico inviato al nostro mezzo di comunicazione www.werken.cl il Coordinamento Mapuche Arauco Malleco rivendica 4 azioni incendiarie contro le industrie forestali insediate in pieno territorio Mapuche, le azioni sono state realizzate dai differenti Organismi di Resistenza Territoriale del CAM corrispondenti alle loro rispettive identità territoriali della nazione Mapuche. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Comunicato dell’Esercito di Liberazione Nazionale

Fronte di Guerra Nordorientale

La regione del Nordoriente colombiano è oggetto della più feroce offensiva militare degli anni recenti, focalizzata nelle aree del Catatumbo e del Sur del Cesar, con l’obiettivo di annichilire le resistenze che per decenni hanno difeso il territorio, per facilitare i piani di saccheggio e spoliazione che le compagnie transnazionali portano avanti nel territorio. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Intellettuali sollecitano gli USA a cessare le azioni contro il Venezuela

In una lettera aperta a Donald Trump gli intellettuali hanno avvertito sulle conseguenze continuando con una politica aggressiva contro il Governo venezuelano.

Almeno 70 intellettuali, scienziati, artisti e attivisti hanno chiesto agli Stati Uniti di cessare qualsiasi tentativo di abbattere il Governo del Venezuela. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Brasile: Si è rotta una nuova diga nel Minas Gerais, almeno 200 scomparsi

Il disastro è avvento nel pomeriggio di questo venerdì (25) nel municipio di Brumadinho, dove sono scomparse 200 persone. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

L’Organizzazione degli Stati Americani non legittima il governo golpista venezuelano

Rino Condemi

Nei giorni scorsi è stato dato molto rilievo al fatto che 16 paesi latinoamericani (filo USA) aderenti al “Gruppo di Lima” abbiano riconosciuto il governo golpista di Guaidó in Venezuela. Ma ieri è arrivata una brutta sorpresa dalla riunione dell’OSA (Organizzazione degli Stati Americani). Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Tutte e tutti con il Venezuela

Ángel Guerra Cabrera

La rottura delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti, annunciata da Nicolás Maduro, presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, è un atto di dignità come quelli di cui oggi c’è mancanza nella nostra America e nel mondo. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

I golpe che gli USA preparano contro il Venezuela

Raúl Zibechi

La nuova strategia che gli USA portano avanti per abbattere il Governo di Nicolás Maduro passa attraverso la creazione di uno “stato parallelo” sostenuto dal Gruppo di Lima, affermando l’illegittimità del Governo e riconoscendo Juan Guaidó, presidente dell’Assemblea Nazionale, come presidente legittimo, per spianare il cammino a misure destabilizzatrici. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Cile: La repressione poliziesca termina con i pescatori artigianali feriti

La manifestazione dei pescatori artigianali a Valdivia per la protezione della risorsa seppia dalla depredatrice pesca a strascico è stata violentemente repressa dalle Forze Speciali dei Carabinieri, avendo come risultato persone ferite dai pallini sparati, tra di loro un fotografo dell’agenzia AFI. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Il Venezuela rompe le relazioni diplomatiche e politiche con gli USA

Il presidente del Venezuela si è pronunciato durante una manifestazione dei suoi seguaci.

Il capo di stato del Venezuela, Nicolás Maduro, ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche e politiche con gli USA, dopo che il deputato Juan Guaidó si è autoproclamato “presidente incaricato” ed è stato riconosciuto da Washington come mandatario “legittimo” di questo paese. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Il secolo di Rosa

Franco Astengo

Nella notte tra il 15 e il 16 gennaio 1919, esattamente un secolo fa, i FreiKorps di Noske soffocarono nel sangue i moti spartachisti di Berlino.

Rosa Luxemburg fu arrestata assieme a Karl Liebknecht, entrambi assassinati e i loro corpi gettati in un canale. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Il cammino, è una soluzione politica del conflitto

Il Presidente non ha dato la giusta dimensione al gesto di pace che l’Esercito di Liberazione Nazionale ha realizzato per le date della natività e di fine anno, la sua risposta è stata di effettuare attacchi militari contro di noi, su tutto il territorio nazionale. Nonostante questo, abbiamo rispettato rigorosamente il cessate il fuoco unilaterale delle operazioni offensive tra il 23 dicembre 2018 e il 3 gennaio 2019. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento