Articoli con tag Diritti umani

Denunciano l’appoggio della Commissione dei Diritti Umani a Sonora per fermare i migranti

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / La Commissione di gestione e dialogo dell’Esodo Centroamericano, che accompagna i migranti nel loro cammino attraverso il paese, ha denunciato che nella notte del 15 novembre sono stati fermati due autobus, nei quali si stavano trasferendo circa 60 membri della Carovana Migrante, dal personale dell’Istituto Nazionale di Migrazione (INM) Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Organizzazioni Sociali: Indignazione per la morte di Camilo Catrillanca e richiesta di smilitarizzazione del Wallmapu

Oltre a ripudiare la morte del giovane mapuche Camilo Catrillanca, diverse organizzazioni difensore dei diritti umani hanno chiesto di mettere fine all’applicazione della Legge Antiterrorismo nei territori Mapuche e di togliere la polizia militare che circonda varie zone dove abitano le comunità indigene. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Le autorità non vogliono ammettere che i migranti della Carovana si nascondono per paura di essere arrestati: ONU-DH

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / “Le autorità non vogliono ammettere che in tempi presumibilmente normali i migranti invisibili si stiano nascondendo per non essere arrestati”, ha dichiarato il rappresentante in Messico dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (ONU-DH), Jan Jarab, Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Figli degli uomini

Paco Gómez Nadal

L’immaginazione di Cuarón e di P.D. James non è riuscita a dire tutto. La Carovana dei Migranti che serpeggia per il Messico è un sintomo, non il problema.

Che fa sì che migliaia di persone cerchino il rifugio della massa per cercare di raggiungere un sogno così distopico come quello statunitense. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

A 50 anni dal massacro di Tlatelolco né un’indagine adeguata né la punizione dei responsabili: ONU e AI

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / A 50 anni dal massacro studentesco nella piazza delle Tre Culture a Tlatelolco, l’Ufficio in Messico dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (ONU-DU) ha lamentato “l’assenza di un’adeguata indagine, Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

“Ortega cerca di occultare i brutali abusi del suo regime”, ha detto Human Rights Watch

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe sollecitare il governo del presidente del Nicaragua, Daniel Ortega, a mettere fine alla repressione, a smantellare le bande pro-governative, e ad assicurarsi che i responsabili degli abusi rendano conto di fronte alla giustizia, ha dichiarato Human Rights Watch. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

L’azione di Ortega contro l’ONU potrebbe comportare delle sanzioni al suo governo, dice Bosco Matamoros

L’ex ambasciatore Bosco Matamoros ha fatto riferimento alla decisione che ha preso il Governo del Nicaragua di espellere i membri della Missione dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (UNHCHR), dopo che era stato presentato il rapporto sulla situazione del paese. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Aumentano a 309 la cifra dei morti nelle proteste in Nicaragua

Familiari di manifestanti incarcerati fuori della prigione di El Chipote, a Managua.

Oggi l’Associazione Nicaraguense Pro Diritti Umani (ANPDH, indipendente) ha aumentato a 309 la cifra dei morti nel paese in meno di tre mesi, da quando sono cominciate le proteste contro il Governo di Daniel Ortega, il passato 18 aprile. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Per la repressione delle proteste contro il governo in Nicaragua ci sono più di 200 morti: CIDH

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / la Commissione Interamericana dei Diritti Umani (CIDH) ha informato che, in totale, sono stati registrati in Nicaragua 212 morti per la violenza nelle proteste contro il governo del presidente Daniel Ortega, le quali sono iniziate il 18 aprile per le riforme del sistema delle pensioni. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Presentata una denuncia contro i Carabinieri per i bambini/e obbligati a denudarsi

Il 2 marzo 2018 quattro bambini/e membri della comunità Huañaco Millao dai 12 ai 14 anni sono stati obbligati dai Carabinieri a denudarsi durante un controllo di identità. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Nazione Mapuche: Dodici giorni di sciopero della fame di Facundo Jones Huala

Dodici giorni della fame di Facundo Jones Huala, detenuto nell’Unità Penitenziaria di Esquel, Chubut.

Appello di emergenza a tutte le organizzazioni operaie e dei DDUU.

Libertà senza condizioni per Facundo Jones Huala!

Abbasso l’infame sentenza di estradizione! Prosegui la lettura »

, , , , , ,

Nessun commento

Uruguay: Decine di migliaia di persone alla Marcia del Silenzio

Natalia Uval

Sette governi dopo la dittatura sono riusciti a ritrovare solo i resti di quattro dei quasi 200 scomparsi; i responsabili processati sono pochi e la verità continua ad essere nascosta, ma la protesta non diminuisce. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Se i paesi dell’OEA ignorano le atrocità del governo in Nicaragua, saranno complici del massacro: AI

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / “Il governo del presidente Ortega non ha mostrato la minima inclinazione a mettere fine alla sua sistematica politica di violenta repressione che in meno di due mesi si è già presa più di 100 vite, con un saldo che sale ogni giorno. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Uno studio segnala che in Brasile la Polizia di San Paolo uccide di più neri e giovani

Juliana Gonçalves

Dati mostrano la disparità tra le morti di giovani e neri in relazione con il resto della popolazione dello stato.

Diminuiscono le morti di agenti di sicurezza e aumentano le morti di giovani neri che vivono nelle periferie brasiliane. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Le comunità del Basso Catatumbo sono in allarme per la militarizzazione del loro territorio

Il 17 maggio la comunità di Filo Gringo, municipio di El Tarra, ha denunciato di fronte alla Missione di Verifica della Situazione Umanitaria nel Catatumbo che in numerose occasioni l’Esercito Nazionale ha manifestato ad uno dei dirigenti più riconosciuti la necessità di una riunione da solo, per cui questi si è rifiutato a causa del rischio che può rappresentare la proposta. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento