Articoli con tag Ingerenza USA

Un sottomarino che è esploso, truppe straniere, proteste e rabbia in Argentina

Rubén Armendáriz

Dolore e molta rabbia è stata la reazione dei disperati familiari dei 44 marinai del sottomarino argentino ARA San Juan, che è scomparso nell’Atlantico del sud nella mattinata del 15 novembre, quando un capo della Marina, utilizzando un linguaggio scientifico, ha parlato di un evento violento, Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Ridefinizione delle missioni militari in Brasile

Ernesto López

In coincidenza con il recupero della funzione di tutela del sistema politico annunciata lo scorso settembre dal gen. Antonio Mourão e implicitamente accettata dal gen. Eduardo Vilas Boas (massima autorità militare), e con la rinuncia a posizioni strategiche, dottrinarie e geopolitiche sostenute per anni Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Venezuelani residenti in Perù sarebbero paramilitari

Ottomila venezuelani che ultimamente sono entrati in Perù sarebbero paramilitari. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

«Venezuela in default», una notizia costruita a fini politici

Fabrizio Verde

Possiamo fidarci degli annunci dati dai soliti noti della stampa mainstream in servizio perenne contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela? Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Haiti: Di fronte ad un governo senza legittimità, in tutto il paese aumentano le proteste

María Torrellas

Intervista a Henry Boisrolin, membro del Comitato Democratico Haitiano, che attualmente risiede a Córdoba, Argentina. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Il Presidente della Colombia ha negato al Venezuela l’accesso alle medicine contro la malaria

Il governo della Colombia, diretto da Juan Manuel Santos, ha ordinato al laboratorio BSN Medical, uno dei pochi nella regione che elabora la Primaquina, un medicamento essenziale per trattare e curare la malaria, di bloccare la spedizione di questa medicina al Venezuela rifiutando l’acquisto dello stato venezuelano. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Tutte le bufale del rapporto farsa di Amnesty contro il Venezuela

Alessandro Bianchi – Fabrizio Verde

Perché la ONG dei diritti umani soffia sul vento di guerra contro Caracas?

A chi non piace la pace e il dialogo in Venezuela? Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Tumaco: coca e terrore di stato

Il massacro di Tumaco del passato giovedì 5 ottobre dimostra non solo che la Forza Pubblica continua ad essere determinata a dare un trattamento di guerra alla protesta sociale, ma l’incapacità dello stato a risolvere con un metodo differente dalla violenza il grave problema della popolazione che sopravvive grazie alle coltivazioni di uso illecito e, così, rispettare quanto concordato all’Avana. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Un Presidente Maduro

Marco Consolo

Con le elezioni dello scorso 15 ottobre dei governatori dei 23 Stati che compongono il Venezuela, il processo bolivariano segna un altro punto a suo favore, vincendo in 18 e perdendo solo in 5 (Zulia, Anzoategui, Tachira, Merida e Nueva Esparta). Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Morti facilmente prevedibili

Alfredo Molano Bravo

Erano facilmente prevedibili i sette morti e 20 feriti dello scorso 5 ottobre a Pueblo Negro, Alto Mira e Frontera, municipio di Tumaco, che il Consiglio Comunitario del Popolo Autonomo della regione e l’Associazione delle Giunte di Azione Comunale dei fiumi Nulpe e Mataje hanno denunciato come risultato del violento scontro tra forze dell’ordine e coltivatori di coca. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

“L’ordine è sradicare o sradicare”

Tumaco (Colombia), 15 contadini assassinati e più di 50 feriti.

Le notizie non potevano essere peggiori e giungono a cascata durante le prime ore della notte di giovedì 5 ottobre. Le informazioni, provenienti dalla zona di Alto Mira e Frontera, frazioni Tandil, Brisas, Puerto Rico ed El Divorcio, municipio di Tumaco, hanno incominciato col denunciare l’assassinio di 4 contadini, ai quali se ne sono aggiunti 9; Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Ciò che dobbiamo difendere in Venezuela

Raùl Zibechi

Dal colpo di stato dell’aprile del 2002, l’interferenza degli Stati Uniti (USA) in Venezuela dovrebbe essere fuori discussione. Probabilmente è  cominciata prima di quella data, ma possiamo prenderla come punto di svolta e di non ritorno. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

La crisi brasiliana nel contesto della nuova guerra fredda

Leonardo Boff

Il problema fondamentale della crisi brasiliana non è solo la corruzione, che è endemica e tollerata dalle istituzioni ufficiali, giacché beneficiano di quella. Se fossero recuperati i milioni e i milioni di real che annualmente le grandi banche e le imprese smettono di consegnare all’INSS (previdenza sociale, ndt), una riforma della Sicurezza Sociale diventerebbe superflua. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Il punto di vista della Cina sul Venezuela

Raúl Zibechi

Conoscere i criteri che usa la potenza emergente sull’America Latina, e in particolare sul Venezuela, è sommamente importante giacché raramente i loro mezzi di comunicazione lasciano intravedere le opinioni che circolano nel governo cinese. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

“In Venezuela non possiamo appoggiare una destra violenta patrocinata da fuori”

César Valdez e Marco Teruggi

Possiamo non essere d’accordo con il chavismo, ma non possiamo appoggiare una destra violenta appoggiata dagli Stati Uniti, dichiara il giornalista Marco Teruggi in una intervista con César Valdez per il sito di notizie di Cristina Sada. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento