Archivio per la categoria America Latina

L’era dell’ingovernabilità in America Latina

Raúl Zibechi

La disarticolazione geopolitica globale nel nostro continente latinoamericano si traduce in una crescente ingovernabilità che colpisce i governi di tutte le correnti politiche. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Si compie il “sogno americano”: truppe degli USA in Amazonia

Raúl Zibechi

Per la prima volta nella storia, truppe degli Stati Uniti parteciperanno ad una esercitazione militare nel cuore dell’Amazonia. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

“Quello che sta facendo Almagro attraverso l’OEA è un pericolo, non solo per il Venezuela, ma per tutto il continente”

Dichiarazioni dell’ex presidente uruguayano José Mujica che si pone, come dice lui, su posizioni di centro sinistra o sinistra centro, ma lontani dalla destra. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Quando la sinistra è un problema

Raúl Zibechi

Quello che sta succedendo in Venezuela non ha la minima relazione con una “rivoluzione” o con il “socialismo”, né con la “difesa della democrazia”, nemmeno con la logora “riduzione della povertà”, per snoccialare gli argomenti che si impiegano a destra e sinistra. Si potrebbe menzionare “petrolio”, e saremmo più vicini. Ma i fatti indicano altre inflessioni. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Colpo di stato nell’OEA

Julio Centeno

La presidenza del Consiglio Permanente dell’OEA spetta dal 1° aprile alla Bolivia, per un periodo di tre mesi. La vicepresidenza ad Haiti. Nonostante ciò, l’ossessione di aggredire il Venezuela ha obbligato il Segretario Generale, Luis Almagro, a obbedire alle istruzioni degli Stati Uniti Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Assassinano giornalisti per disciplinare i media

Raúl Zibechi

Non sono, non possono essere, effetti collaterali e indesiderati della guerra contro il narcotraffico. I giornalisti critici sono uno degli obiettivi. Non l’unico, perché il principale bersaglio continuano ad essere quelli in basso organizzati. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Sovversione made in USA

Mario Ramos

Esiste una franchigia, questa sì vera franchigia, ci riferiamo ai “colpi di stato soavi/morbidi” o “rivoluzioni colorate”, non al cliché che per 10 anni l’opposizione sovversiva ha affibbiato al processo della Rivoluzione Cittadina: la presunta franchigia bolivariana, come se Bolívar fosse estraneo alla nostra storia.

Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

“Solo la lotta di massa altera la correlazione di forze”

Pablo Solana e Gerardo Szalkowicz

La riconfigurazione dello scenario politico in America Latina è anche un tema di dibattiti nei movimenti popolari. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Autocritiche femministe e movimenti antisistema

Raúl Zibechi

La vitalità di un movimento, come quella di qualsiasi essere vivo, può essere constatata dalla sua capacità di cambiare, modificare, esercitare la critica e l’autocritica, qualcosa così dimenticato dalle vecchie sinistre. Una caratteristica di ciò che è invecchiato è la ripetizione, l’inerzia e l’incapacità di muoversi dal luogo scelto.

Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Non Una di Meno Argentina: la ribellione delle donne dal basso

María Galindo

Un’analisi del movimento sociale argentino Non Una di Meno (Ni Una Menos), dal punto di vista della femminista boliviana María Galindo, che da anni tesse legami di ribellione con organizzazioni, quartieri e donne del nostro paese (Argentina). Cosa rappresenta questo movimento nel contesto della lotta mondiale delle donne, cosa contribuisce alla depatriarcalizzazione che è in marcia nell’America Latina e perché non può essere esportata. Un testo per sollevare il dibattito. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Nel “Giorno senza latini, immigrati e rifugiati” migliaia di lavoratori paralizzano il Wisconsin

Redazione Desinformémonos

Migliaia di latini sono usciti nelle strade a Milwaukee, stato del Wisconsin, per manifestare contro le politiche migratorie del presidente Donald Trump. Al grido di “El pueblo unido jamás será vencido”, i manifestanti hanno camminato portando bandiere degli Stati Uniti e del Messico, così come striscioni con la scritta “Mai più deportazioni”.

Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Ex presidente della Petrobras sospetta il coinvolgimento degli USA nel golpe contro Dilma

Andy Robinson

Donald Trump è una minaccia per l’America Latina. Chi lo dubiterebbe. Ma Barack Obama e Hillary Clinton, così come quello stato profondo composto dalle agenzie di intelligenza e dalla macchina occulta del Dipartimento di Stato che i democratici credono il difensore del mondo libero, non sono stati esattamente gli alleati più comprensivi della cosiddetta “Pink tide” (la sinistra che è giunta al potere in America Latina negli anni di George W. Bush, e che ora attraversa una crisi esistenziale). Lo storico Gregg Grandin ha analizzato con gran abilità la tolleranza dei golpe nel Dipartimento di Stato della Clinton e di Obama. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Piano Condor. L’assoluzione del torturatore Troccoli lascia l’amaro in bocca

Fabrizio Salvatori

Si è concluso ieri nell’Aula Bunker di Rebibbia a Roma, il procedimento penale noto come Processo Condor, per l’uccisione e la sparizione di quarantatré persone, delle quali ventitré italiani, avvenuti in Cile, Argentina, Bolivia, Brasile e Uruguay, durante le dittature latino-americane, a partire dal colpo di Stato avvenuto in Cile l’11 settembre del 1973. Otto ergastoli e diciannove assoluzioni: questa la sentenza emessa dalla Corte di Assise di Roma. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

È possibile cambiare il mondo nella tormenta?

Raúl Zibechi

Anche se il pensiero della sinistra antisistema, ha da sempre accolto le crisi come una benedizione giacché danno la possibilità di cambiare il mondo, il pragmatismo in voga ha portato a temerle e rifiutarle perché possono mettere in pericolo le “conquiste” conseguite in periodi di pace sociale.

Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Il dragone sfida l’aquila nel suo cortile posteriore

Raúl Zibechi

Il dragone asiatico sta proponendo delle iniziative audaci che, in generale, sono ben accolte dai diversi Governi della regione, ma in questo momento questi si mostrano incapaci di dare risposte d’insieme, giacché i progetti per l’integrazione si sono indeboliti a seguito della svolta conservatrice che buona parte dei paesi sta vivendo negli ultimi anni. Prosegui la lettura »

Nessun commento