Articoli con tag Conflitti sociali

Validità e importanza degli ideali di Emiliano Zapata

Organizzazioni e movimenti sociali contadini messicani mantengono l’eredità e gli ideali di Emiliano Zapata.

A 99 anni dal suo assassinio, l’eredità e la lotta del dirigente della Rivoluzione Messicana, Emiliano Zapata, continuano ad essere validi in Messico e nel mondo. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Guilherme Boulos, dirigente sociale e precandidato presidenziale: “Il Brasile vive la più grave crisi democratica dalla fine della dittatura”

Lucio Garriga e Gerardo Szalkowicz

Intervista a Guilherme Boulos*, dirigente sociale e precandidato presidenziale. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Honduras: A 25 mesi dall’omicidio di Berta Cáceres i mandanti sono ancora liberi

Giorgio Trucchi

In giugno l’inizio del processo per le persone coinvolte nel crimine della dirigente indigena. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

“Che non ci sia più un prigioniero, né più un morto delle FARC-EP né del Movimento Sociale e Popolare”

Parole di Santrich, incarcerato con una montatura giudiziaria.

Sciopero indefinito della fame di Jesús Santrich. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Violenza e odio di classe

Raúl Zibechi

Che relazioni possiamo stabilire tra l’assassinio della consigliera Marielle Franco e il processo penale contro Lula? Come mettere in relazione l’illegittima destituzione di Dilma Rousseff con l’intervento militare nelle favelas? Che legami ci sono tra l’aumento esponenziale della violenza contro neri e nere e i successivi record che sta battendo la borsa di San Paolo? Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Le donne denunciano la privatizzazione dell’acqua e occupano la sede della Nestlé in Brasile

Redazione Desinformémonos

Circa 600 donne hanno occupato la sede dell’impresa Nestlé a São Lourenço, regione sud del Minas Gerais, Brasile, per denunciare la vendita delle acque alle compagnie internazionali promossa dal governo di Michel Temer, nell’ambito del Forum Mondiale delle Acque, a Brasilia. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Ecuador: La CONAIE dà l’ultimatum al Governo a dare una soluzione alle sue richieste

La dirigenza della CONAIE si è riunita questo martedì a Quito. Hanno cacciato i funzionari che sono stati delegati dal Governo. I dirigenti hanno dato una scadenza fino al 25 aprile per dare una soluzione alle loro richieste. Hanno annunciato anche delle mobilitazioni. La Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador (CONIE) martedì ha deciso di sospendere i tavoli di dialogo con il Governo Nazionale che erano stati insediati 9 mesi fa. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Perù: “Che se ne vadano tutti”. La polizia lancia gas lacrimogeni sui manifestanti che hanno usato fuochi artificiali nel corteo

Studenti, collettivi e attivisti protestano dopo la diffusione di alcuni video nei quali si dimostrerebbe l’acquisto di voti per evitare la vacanza presidenziale del PPK. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Una violenta ordinanza municipale è finita con contadine Mapuche colpite e maltrattate dai Carabinieri

Temuco / Questa mattina più di una trentina di contadine Mapuche delle comunità vicine alla città sono state violentemente colpite dalle Forze Speciali dei Carabinieri del Cile, oltre al fatto che le loro mercanzie sono state distrutte e calpestate nelle strade della capitale dell’Araucania. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Un FSM, svuotato di idee, popoli e lotta, si trasferisce a Salvador de Bahía

Aram Aharonian

Sfide del Forum Sociale Mondiale (FSM).

Durante l’ultimo quinquennio ha proliferato il dibattito -tra movimentisti “puri” (in generale alleati alle posizioni della socialdemocrazia europea e della Chiesa Cattolica) e militanti sociali e politici- sul futuro del Forum Sociale Mondiale: Che relazione ci deve essere tra partiti politici anticapitalisti e movimenti sociali? Che legami con i governi progressisti della regione, che strategia di fronte all’appello di Hugo Chávez di portare avanti una Quinta Internazionale? Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Continua la mobilitazione per Marielle a Rio de Janeiro

Domenica 18 c’è stato un corteo di migliaia di persone a Maré, il complesso di favela di Gebrielle. Prosegue la mobilitazione dopo l’imponente momento di piazza del 15 Marzo scorso.

Convocato per le 13, il corteo si è mosso alle 14 spostandosi dopo pochi minuti sulla Avenida do Brasil, una delle principali arterie della metropoli carioca che è dunque rimasta bloccata per due ore mentre il corteo sfilava. La manifestazione, con un forte protagonismo delle donne, ha gridato a gran voce “Marielle presente!”, intonando canti e cori contro la polizia, la militarizzazione delle favela, e per la dignità dei poveri, delle donne e contro il genocidio della gioventù nera. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Rio: in decine di migliaia in strada per Marielle e contro lo Stato brasiliano

Rio non conosce pace dopo l’ uccisione, avvenuta due notti fa, di Marielle Franco, attivista del movimento femminista e della favela, che rappresentava la realtà dei poveri e marginalizzata della metropoli carioca. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Assassinata a Río de Janeiro una consigliera comunale del partito di sinistra PSOL

Alberto Azcárate

Il 14 marzo, alle ore 21.30 è stata assassinata a colpi di pistola Marielle Franco, consigliera comunale del PSOL (Partito per il Socialismo e la Libertà), una formazione che nel parlamento statale ha una sua rappresentanza e che si è scissa a sinistra dal PT. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Capitalismo / Anticapitalismo. La lotta continua

Massimo Modonesi

Viviamo tempi di accelerazione e approfondimento capitalista e, in questi, si sono anche sviluppate tutte le contraddizioni che gli sono proprie. Nonostante ciò, da queste non si deducono meccanicamente l’emergere di soggetti e movimenti anticapitalisti di massa. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

In Argentina migliaia di donne hanno occupato le strade per chiedere la fine della violenza maschilista

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / Nell’ambito dello sciopero internazionale per il Giorno della Donna dell’8 marzo, decine di migliaia di donne si sono riunite nelle principali piazze dell’Argentina per manifestare contro la violenza maschilista, la disuguaglianza salariale, la penalizzazione dell’aborto e i femminicidi. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento