Archivio per la categoria America Indigena

Ecuador: La CONAIE ratifica “il voto nullo ideologico” nonostante che il suo presidente abbia annunciato il sostegno ad Arauz

Ana Cristina Basantes

L’Ecuarunari dice che Jaime Vargas non rappresenta più il movimento indigeno.

La Confederazione dei Popoli della Nazionalità Kichwa dell’Ecuador (Ecuarunari) e la Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador (CONAIE) si sono già pronunciate sull’appoggio che Jaime Vargas ha offerto a Andrés Arauz. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Ecuador: Indigeni dell’Amazonia offrono un sostegno totale ad Arauz

La CONAIE ha ufficializzato il proprio appoggio al candidato progressista.

Le comunità indigene hanno espresso il loro totale sostegno al candidato di sinistra Andrés Arauz nel ballottaggio presidenziale dell’Ecuador, il prossimo 11 aprile. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Colombia: Nel Putumayo assassinata con sua nipote la dirigente indigena María Juajibioy

Degli uomini si sono messi di mezzo lungo il tragitto della motocicletta della dirigente indigena María Bernarda Juajibioy e le hanno tolto la vita con le armi da fuoco. Anche la nipote della dirigente ha perso la vita. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Víctor Llanquileo, prigioniero politico mapuche, denuncia una nuova montatura contro di lui

Inche Víctor Llanquileo Pilquimán piguen, vewla prigioniero politico mapuche, carcere di Arauko warria, Marri marri pu peñi, pu lagmien, ka pu wenuy.

Attraverso questo media voglio far giungere un mio saluto speciale ai lof in resistenza Rofue, Lautaro, Nueva Imperial e a tutti i lof che resistono giorno dopo giorno insieme ai lottatori più degni che ne fanno parte, vada il mio saluto rivoluzionario ad ogni membro; voi non potrete immaginare la tremenda forza e il tremendo orgoglio che sente un prigioniero politico mapuche sapendo che nei diversi settori del Wallmapu la lotta continua, che fa reagire al governo insieme all’estrema destra che giudicano come terrorismo la giusta richiesta di territorio e giustizia. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Comunità Wenteche in resistenza fanno appello all’unità dei diversi Territori o Identità Mapuche

COMUNICATO PUBBLICO

Marri marri, Kom pu Che. In vista di quello che sta avvenendo nel nostro Wallmapu, nel nostro territorio Wenteche e nella discussione politica del governo cileno a seguito dei Processi di Recupero che si stanno portando a termine in modo “MASSICCIO E LEGITTIMO”, considerando anche che alcune comunità sono nuove nel processo di Recupero Territoriale: noi Comunità Wenteche del Comune di Lautaro e i suoi dintorni, comunichiamo al nostro Popolo Mapuche quanto segue: Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Un incontro di ribellioni

Raúl Zibechi

Centinaia di gruppi in tutta Europa stanno concordando di organizzare l’accoglienza per un tour dei membri dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, del Congresso Nazionale Indigeno – Consiglio Indigeno di Governo (CNI-CIG) e del Fronte dei Popoli in Difesa dell’Acqua e della Terra di Morelos, Puebla e Tlaxcala, nella seconda metà di quest’anno. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

La Procura peruviana accusa Fujimori per le sterilizzazioni

Si tratta di un processo che riguarda delitti commessi durante il governo di Fujimori tra il 1990 ed il 2000. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Il lato oscuro del progressismo boliviano

Christian Peverieri

I progetti estrattivisti del nuovo governo di Arce calpestano la Pachamama e i diritti delle popolazioni indigene: con le buone o con la violenza. La Contiocap denuncia l’aggressione estrattivista ai territori indigeni e le intimidazioni contro i suoi attivisti da parte del governo. Intervista di Globalproject a Ruth Alipaz Cuqui, Rubén Darío Arias e al portavoce Alex Villca Limaco. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Chiedono giustizia cinque anni dopo l’assassinio di Berta Cáceres

Cinque anni dopo l’assassinio della lottatrice ambientale per mano dei paramilitari, il Copinh è in attesa di giustizia. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Cile: Il governo impantanato di fronte all’aumento della violenza

Rafael Calcines Armas

Il Cile chiude la settimana con un aumento della violenza nel sud del paese che oggi mantiene il governo impantanato nello scegliere una soluzione politica o militare ad un conflitto con profonde radici storiche. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Ecuador: Indigeni legati al Pachakutik aspettano mobilitati il riconteggio dei voti

Il movimento Pachakutik ha convocato per questo venerdì le organizzazioni politiche e sociali ad una Mobilitazione Nazionale Pacifica per la trasparenza elettorale. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Le insurrezioni popolari non entrano nelle urne

Raúl Zibechi

Sebbene i movimenti anti-patriarcali e anticoloniali abbiano allargato le ali negli ultimi decenni, i risultati visibili nella cultura politica egemonica sono ancora molto deboli. Anche i media non egemonici e le sinistre continuano a riflettere, nei loro servizi giornalistici e nei loro discorsi, l’enorme difficoltà di trascendere le forme più tradizionali del dominio. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Cile: Continua la repressione e la persecuzione contro il popolo mapuche

Rubén Pedro Bonet

Il Coordinamento Arauco Malleco (CAM) e le comunità mapuche autonome hanno denunciato un nuovo attacco repressivo dello stato cileno contro la resistenza più conseguente del Wallmapu. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Yaku Pérez e la fine dei bipolarismi

Andrés Kogan Valderrama

A proposito del primo turno presidenziale in Ecuador, dove il candidato correista, Andrés Arauz, ha ottenuto un po’ più del 32% dei voti, mentre gli altri due candidati che lo seguono, Yaku Pérez e Guillermo Lasso, si trovano in un pareggio tecnico, in quel paese si è aperta una discussione politica molto interessante. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

La morte del Mallku e la rivoluzione indigena che non ci fu

Salvador Schavelzon

Per Juan Carlos Pinto (in memoriam)

La morte di Felipe Quispe Huanca, il Mallku, avvenuta a La Paz il 19 gennaio, è un’occasione per pensare all’attuale lotta politica latinoamericana. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento