Archivio per la categoria America Indigena

Paese Mapuche: Con un comunicato il CAM avverte che continueranno ad espellere dal Wallmapu le imprese forestali e i latifondisti

Mediante un comunicato pubblico inviato al nostro mezzo di comunicazione Werken Noticias, il Coordinamento Arauco Malleco avverte che, nonostante la detenzione del suo portavoce storico e di 3 membri, non riusciranno a mettere un freno alla lotta autonomista dell’organizzazione. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Messico: Scontri armati sfollano più di 120 tsotsil in Chiapas

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / Il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba) ha informato che scontri tra gruppi armati hanno provocato lo sfollamento forzato di circa 129 tsotsil del municipio di Chenalhó, Chiapas, così come l’incendio e la distruzione di sei case. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Argentina: La barbarie “progressista” in guerra contro il Popolo Mapuche

Carlos Aznárez

La parola chiave di quello che sta avvenendo con le prigioniere mapuche si chiama “sequestro”, e questa barbarie la commette un governo che in gran parte del mondo pensano ancora che sia “progressista”. Donne del popolo trattate come animali, razziate dagli uomini in uniforme che erano stati inviati dalla trilogia dei Fernández, Alberto, Cristina e Aníbal, quest’ultimo ministro della Sicurezza ed ex complice nel 2002 dell’assassinio dei piqueteri Maxi Kosteki e Darío Santillán. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Nazione Mapuche: A Villa Mascardi, arrestate sette donne mapuche

Quatto detenute sono state trasferite a Ezeiza e temono l’applicazione della Legge Antiterrorismo. Altre due detenute sono rimaste a Río Negro poiché allattano, mentre la restante è ricoverata per una gravidanza avanzata. La ministra delle Donne e dei Generi ha espresso preoccupazione. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Nazione Mapuche: Forze repressive argentine lanciano un’operazione contro la Lof Lafken Winkul Mapu

“Sono entrati sparando, hanno bastonato uomini, donne e bambini, hanno bruciato abitazioni e le nostre cose”, denuncia una comunera della località attaccata. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Nazione Mapuche: Sabotaggio dell’ORT Nagche Pelontraru contro un’impresa forestale

Mattino di venerdì 30 / Atto di sabotaggio effettuato da weychafe (guerrieri) dell’ORT (Organizzazione di Resistenza Territoriale) Nagche Pelontraru contro un campo forestale situato tra Angol e Los Sauces con il risultato della distruzione di 1 skider e 3 camion di trasporto di tronchi. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Siamo tutti Llaitul?

Juan Carlos Gómez Leyton

La “guerra dell’Arauco” nel Wallmapu nuovamente si riattiva con altri mezzi.

A tutte le ed i martiri della lotta sociale e politica mapuche

Per la libertà di tutte e tutti i prigionieri mapuche

Per la libertà immediata di Héctor Llaitul Prosegui la lettura »

, , , , , ,

Nessun commento

La resistenza e i Mondi Altri si trovano nella periferia: Raúl Zibechi

Jaime Quintana Guerrero

Cuautla, Morelos. Nel libro “Mondi Altri e popoli in movimento. Dibattiti sull’anti-colonialismo e la transizione in America Latina”, il giornalista e scrittore uruguayano Raúl Zibechi propone uno sguardo sociale alle esperienze e lotte dell’America Latina, al ruolo dello stato e alle sue alleanze, del pensiero critico, dei popoli originari e delle resistenze, e invita a pensare alle rinnovate e innovative letture di una realtà. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Il primo Governo progressista della Colombia si scontra con l’urgente richiesta di terre

Berta Camprubí

Francia Márquez accusa le comunità indigene di essere “invasori” e ordina di sgomberare territori che da un decennio sono in processo di recupero. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Per un nuovo immaginario ribelle

Raúl Zibechi

Per oltre due secoli, dalla Rivoluzione francese in poi, l’immaginario collettivo sul cambiamento sociale ha ruotato attorno all’ingresso di maschi bianchi armati nei centri del potere statale. La Presa della Bastiglia e l’Assalto al Palazzo d’Inverno da parte di contingenti in armi sono diventati senso comune ed emblema di una possibile e auspicabile rivoluzione. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Messico: Basta minacce del governo contro la guardia comunale di Ostula

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / Il collettivo “È Giunta l’Ora dei Popoli” ha chiesto al governo del Michoacán di sospendere ogni azione che abbia lo scopo di disarmare, diffamare, stigmatizzare, smantellare o criminalizzare la Guardia Comunale di Santa María Ostula, la cui organizzazione autonoma ha fornito sicurezza alla comunità di fronte all’assenza delle autorità. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Nazione Mapuche: Nuovi sabotaggi del CAM per chiedere la libertà dei prigionieri politici

Venerdì notte è stata compiuta una nuova azione di sabotaggio in territorio mapuche.

All’interno della tenuta “La Trinidad”, settore Niagara Padre las Casas, sono stati distrutti 3 camion e un scavatrice, oltre a una casa padronale e installazioni come magazzini e altro. Questa azione è terminata senza feriti. Prosegui la lettura »

, , , , , ,

Nessun commento

Cile: Il CAM giudica il plebiscito come “uno show folcloristico”

Il gruppo ha dichiarato che “rendiamo responsabile questo nefasto governo di dar continuità all’estrattivismo indiscriminato e alla militarizzazione del nostro territorio mapuche, in alleanza con le grandi imprese forestali e i conglomerati economici”. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Comunicato pubblico sull’arresto del portavoce Hector Llaitul Carrillanca

Comunicato del Coordinamento Arauco Malleco

Alla nostra nazione Mapuche, ai gruppi e alle organizzazioni di resistenza, all’opinione pubblica cilena e internazionale. Alla luce dell’arresto del nostro portavoce politico, werken Hector Llaitul Carrillanca, comunichiamo quanto segue: Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Leonidas Iza sollecita a risignificare la lotta in Ecuador

Leonidas Iza ha valutato che la mobilitazione indigena e di altri settori ha mostrato le condizioni per “guardare quello he siamo noi ecuadoriani”. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento