Articoli con tag Sindacati

A due anni dai violenti fatti di Nochixtlán, a Oaxaca i maestri hanno chiesto giustizia

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / I maestri della Sezione 22 del Coordinamento Nazionale dei Lavoratori dell’Educazione (CNTE) ha effettuato un’affollata manifestazione a Oaxaca per commemorare e chiedere giustizia a due anni dai violenti fatti di Nochixtlán, nei quali il governo commise un “crimine di stato” utilizzando la polizia federale e la gendarmeria per disperdere una protesta del sindacato dei maestri contro la riforma dell’educazione. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Fanno ripiegare i manifestanti della CNTE dall’ambasciata degli Stati Uniti

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / Poliziotti antisommossa hanno cercato con gli scudi di far ripiegare i maestri del Coordinamento Nazionale dei Lavoratori dello Stato (CNTE) che protestavano di fronte all’ambasciata degli Stati Uniti nel Paseo de la Reforma, Città del Messico, Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Brasile: Un paese bloccato e un modello che fa acqua

Juraima Almeida

La settimana passata, è scoppiato in Brasile qualcosa che alcuni chiamano locaut e altri sciopero dei camionisti, che, nonostante la militarizzazione e la repressione, compie dieci giorni, mentre si approfondisce la crisi che pone al bordo del collasso questo paese-continente Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Al terzo giorno di sciopero i maestri del CNTE bloccano l’aeroporto di Oaxaca

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / I maestri della Sezione 22 del Coordinamento Nazionale dei Lavoratori dell’Educazione (CNTE) hanno bloccato l’aeroporto di Oaxaca e il terminal degli Autobus dell’Oriente (ADO), così come hanno bloccato mezzi di trasporto pubblico, Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Colombia: Respingiamo e rifiutiamo l’assassinio di Cristian Andrés e Luis Eduardo

Il SINALTRAINAL lamenta i fatti avvenuti nella notte di mercoledì 23 maggio 2018, nel municipio di Andalucía (Valle), dove dei sicari hanno assassinato due nostri compagni, Cristian Andrés Lozano e Luis Eduardo Domínguez, in episodi che sono materia di indagine da parte delle autorità competenti. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Nicaragua: I lavoratori di Masaya sfilano nella loro giornata a sostegno degli studenti assassinati

Il corteo convocato dai lavoratori della zona franca si è sviluppato senza nessun incidente.

I lavoratori di Masaya, hanno sfilato per commemorare il giorno dei lavoratori chiedendo al governo di Ortega giustizia per i giovani assassinati. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Braccianti di San Quintín promuovono il boicottaggio della Driscoll’s per opporsi alla rinegoziazione del TLC

Redazione Desinformémonos

Città del Messico/ Braccianti di San Quintín, Bassa California, convocano una manifestazione internazionale per il 16 agosto per opporsi alla rinegoziazione del Trattato di Libero Commercio dell’America del Nord (TLCAN) promuovendo il boicottaggio dell’impresa Driscoll’s, Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Nel Cauca sono 11 i dirigenti sociali assassinati quest’anno

L’ultimo caso registrato è stato l’assassinio di Alberto Román Acosta, presidente del Sindacato Nazionale dei Lavoratori dell’Industria Agropastorale (Sintrainagro) nel Guacarí, municipio di El Cerrito, dipartimento del Valle del Cauca, lo scorso 1 luglio. In un comunicato emesso dal sindacato si afferma che i fatti sono avvenuti quando la vittima si trovava in un campo di calcio mentre vedeva giocare suo figlio. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

“Le basi hanno imposto alle centrali sindacali lo sciopero, non il contrario”

Gabriel Brito

Quarantaquattro giorni dopo le massicce azioni di protesta e gli scioperi del 15 marzo, e anche la forte mobilitazione delle donne, il Brasile ha avuto un grande sciopero generale, anticipando il lungo fine settimana del 1° maggio. Almeno 35 milioni hanno incrociato le braccia ed è cresciuto l’ottimismo per cancellare le riforme di Temer. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Sciopero generale in Brasile: scioperano 35.000.000 di lavoratori

La Polizia reprime a San Paolo e a Río de Janeiro.

Lo sciopero generale di venerdì (28) è già considerato dalla Centrale Unica dei Lavoratori (CUT) come la maggiore mobilitazione della storia del Brasile, e si stima che circa 35 milioni di brasiliani si siano astenuti dal lavorare. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

O obbediscono o li reprimiamo, la parola d’ordine di Macri ai maestri

L’equazione repressiva del governo.

Dal 1 aprile il governo di Macri cerca di disattivare le proteste sociali in Argentina con la repressione, chiudendo qualsiasi via di dialogo per risolvere i conflitti. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Argentina: Brutale repressione della polizia sui maestri e le maestre

Gas al peperoncino, bastonate, repressione e arresti. Questo lunedì ci sarà la riunione plenaria della segreteria generale dei docenti per continuare il piano di lotta. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Argentina: Un paio di appunti sullo sciopero del 6 aprile

Guillermo Cieza

Per valutare il 6 aprile conviene ricordare due precedenti recenti. Questo primo sciopero, che la CGT fa a Macri, è arrivato esclusivamente per la pressione popolare. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Argentina: Sciopero generale totale. Picchetti e blocchi in tutto il paese, repressione sulla Panamerica

Nonostante la repressione del Governo, la classe lavoratrice paralizza il paese.

Lo sciopero è di massa e contundente. Il protocollo “antipicchetti” è il nome con il cui il governo di Macri nasconde la repressione contro i manifestanti. Nonostante questo, i blocchi sono stati mantenuti per varie ore. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Argentina: Più di 400 mila maestre e maestri hanno sfidato Macri

Da tutto il paese a Plaza de Mayo per la paritaria nazionale dei docenti (tavolo di relazioni sindacali).

Un corteo di massa di maestri ha riempito Plaza de Mayo e i suoi dintorni al termine del Corteo Federale dell’Educazione, per chiedere la realizzazione della paritaria nazionale dei docenti, che il Governo si rifiuta di convocare. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento