Articoli con tag Sindacati

Braccianti di San Quintín promuovono il boicottaggio della Driscoll’s per opporsi alla rinegoziazione del TLC

Redazione Desinformémonos

Città del Messico/ Braccianti di San Quintín, Bassa California, convocano una manifestazione internazionale per il 16 agosto per opporsi alla rinegoziazione del Trattato di Libero Commercio dell’America del Nord (TLCAN) promuovendo il boicottaggio dell’impresa Driscoll’s, Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Nel Cauca sono 11 i dirigenti sociali assassinati quest’anno

L’ultimo caso registrato è stato l’assassinio di Alberto Román Acosta, presidente del Sindacato Nazionale dei Lavoratori dell’Industria Agropastorale (Sintrainagro) nel Guacarí, municipio di El Cerrito, dipartimento del Valle del Cauca, lo scorso 1 luglio. In un comunicato emesso dal sindacato si afferma che i fatti sono avvenuti quando la vittima si trovava in un campo di calcio mentre vedeva giocare suo figlio. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

“Le basi hanno imposto alle centrali sindacali lo sciopero, non il contrario”

Gabriel Brito

Quarantaquattro giorni dopo le massicce azioni di protesta e gli scioperi del 15 marzo, e anche la forte mobilitazione delle donne, il Brasile ha avuto un grande sciopero generale, anticipando il lungo fine settimana del 1° maggio. Almeno 35 milioni hanno incrociato le braccia ed è cresciuto l’ottimismo per cancellare le riforme di Temer. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Sciopero generale in Brasile: scioperano 35.000.000 di lavoratori

La Polizia reprime a San Paolo e a Río de Janeiro.

Lo sciopero generale di venerdì (28) è già considerato dalla Centrale Unica dei Lavoratori (CUT) come la maggiore mobilitazione della storia del Brasile, e si stima che circa 35 milioni di brasiliani si siano astenuti dal lavorare. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

O obbediscono o li reprimiamo, la parola d’ordine di Macri ai maestri

L’equazione repressiva del governo.

Dal 1 aprile il governo di Macri cerca di disattivare le proteste sociali in Argentina con la repressione, chiudendo qualsiasi via di dialogo per risolvere i conflitti. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Argentina: Brutale repressione della polizia sui maestri e le maestre

Gas al peperoncino, bastonate, repressione e arresti. Questo lunedì ci sarà la riunione plenaria della segreteria generale dei docenti per continuare il piano di lotta. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Argentina: Un paio di appunti sullo sciopero del 6 aprile

Guillermo Cieza

Per valutare il 6 aprile conviene ricordare due precedenti recenti. Questo primo sciopero, che la CGT fa a Macri, è arrivato esclusivamente per la pressione popolare. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Argentina: Sciopero generale totale. Picchetti e blocchi in tutto il paese, repressione sulla Panamerica

Nonostante la repressione del Governo, la classe lavoratrice paralizza il paese.

Lo sciopero è di massa e contundente. Il protocollo “antipicchetti” è il nome con il cui il governo di Macri nasconde la repressione contro i manifestanti. Nonostante questo, i blocchi sono stati mantenuti per varie ore. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Argentina: Più di 400 mila maestre e maestri hanno sfidato Macri

Da tutto il paese a Plaza de Mayo per la paritaria nazionale dei docenti (tavolo di relazioni sindacali).

Un corteo di massa di maestri ha riempito Plaza de Mayo e i suoi dintorni al termine del Corteo Federale dell’Educazione, per chiedere la realizzazione della paritaria nazionale dei docenti, che il Governo si rifiuta di convocare. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

In Chiapas e Michoacán i maestri guidano le proteste contro la riforma dell’educazione

Città del Messico/  Migliaia di maestri che fanno parte del Coordinamento Nazionale dei Lavoratori dell’Educazione (CNTE) hanno sfilato nelle città di Tuxtla Gutiérrez (Chiapas) e Morelia (Michoacán) insieme a studenti, genitori, membri di organizzazioni e della società civile per opporsi alla riforma dell’educazione e chiedere il pagamento degli arretrati.

Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Escondida: Sciopero in una delle maggiori miniere di rame del mondo

Franck Gaudichaud

Dallo scorso 9 febbraio 2.500 lavoratori sono in sciopero nella miniera “Escondida”, situata nel nord del Cile.

Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Argentina: Migliaia di lavoratori e lavoratrici hanno sfilato a sostegno dei grafici dell’AGR-Clarín

Giovedì migliaia di lavoratori e lavoratrici hanno conquistato le strade del centro di Buenos Aires per testimoniare il loro sostegno ai loro compagni e compagne dell’AGR-Clarín, azienda padronale che ha licenziato in massa coloro che per anni sono stati una parte fondamentale di una fonte di lavoro e che il gruppo imprenditoriale legato al governo di Macri oggi vuole distruggere.

Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

L’agenda reazionaria del Vaticano per i “movimenti popolari”

Maximiliano Jozami

Dal 2 al 5 novembre, in Vaticano si è svolto “l’Incontro Mondiale dei Movimenti Popolari”. Il principale organizzatore dell’evento è stato l’argentino Juan Gravosi, ora consulente ufficiale del Vaticano e dirigente della CTEP (Confederazione dei Lavoratori dell’Economia Popolare).

Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Rivelano otto violazioni dei diritti umani nel caso Nochixtlán

Redazione Desinformémonos

Città del Messico/ Quattro organizzazioni hanno rivelato che nel rapporto “Operazione Oaxaca, 19 giugno” i poliziotti che hanno partecipato ai fatti del 19 giugno a Nochixtlán, Oaxaca, hanno commesso otto tipi di violazioni dei diritti umani, Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

“Un bilancio chiaramente negativo”

Sergio Ferrari

Argentina, un anno dopo… Intervista a Hugo Yasky, dirigente sindacale nazionale. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento