Archivio per la categoria Mondo

La pandemia e la fine dell’era neoliberale

Atilio A. Borón

Il coronavirus ha scatenato un torrente di riflessioni ed analisi che hanno come comune denominatore l’intenzione di disegnare i (diffusi) contorni del tipo di società ed economia che risorgeranno una volta che il flagello sia stato controllato. Sono sovrabbondanti le ragioni per fare un’incursione in questa classe di speculazioni, magari ben informate e controllate, perché se di qualcosa siamo completamente sicuri è che la prima vittima fatale che si è presa la pandemia è stata la versione neoliberale del capitalismo. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Alle porte di un nuovo ordine mondiale

Raúl Zibechi

La pandemia comporta l’approfondirsi della decadenza e della crisi del sistema che, nel breve termine, era cominciata nel 2008, e che invece, nel lungo periodo, si estende a partire dalla rivoluzione mondiale del 1968. Siamo entrati in un periodo di caos del sistema-mondo, la condizione preliminare per la formazione di un nuovo ordine mondiale. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Politica anticapitalista per la quarantena

David Harvey

Quando cerco di interpretare, comprendere e analizzare il quotidiano flusso di notizie, tendo a ubicare quello che succede nel contesto di due modelli distinti ma intrecciati di come funziona il capitalismo. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Epidemia di neoliberismo

Raúl Zibechi

Sono trascorsi secoli da quando abbiamo imparato a conoscere l’importanza dei contesti sociali e naturali in cui si radicano e moltiplicano i virus, anche perché conviviamo con essi e non sempre ci minacciano. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Coronavirus: la militarizzazione delle crisi

Raúl Zibechi

Dobbiamo risalire al tempo del nazismo e dello stalinismo, quasi un secolo addietro, per trovare esempi di controllo della popolazione tanto esteso e intenso come quelli che stanno avvenendo in Cina con la scusa del coronavirus. Un gigantesco panopticon militare e sanitario, che confina la popolazione costringendola a vivere rinchiusa e sottoposta a permanente vigilanza. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Il fantasma del collasso percorre il mondo

Raúl Zibechi

Le notizie che si accumulano in questi giorni, andando oltre alla sovraesposizione del coronavirus, sono da brivido e ci portano ad immaginare che il collasso del sistema stia cominciando. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Tempi di rivolta

Gustavo Esteva

Il mondo cade a pezzi attorno a noi.

Alcuni fuggono. Altri si nascondono, cercando di far sì che uno dei pezzi (del mondo che cade, ndt) non li colpisca. Molti chiudono gli occhi per non vedere ciò che sta accadendo. Però la maggioranza è in rivolta, soprattutto le donne. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Le evoluzioni del neoliberalismo

Raúl Zibechi
La crisi del pensiero critico, ossia il nostro modo di comprendere il mondo per poter agire trasformandolo, ha portato gli analisti a moltiplicare concetti poco precisi che sogliono essere più descrittivi che analitici, per cui inducono alla confusione. Neoliberalismo è uno dei concetti che stanno venendo utilizzati in modo meno rigoroso. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

L’acqua e la guerra contro i popoli

Raúl Zibechi

Nessuno si sorprenderà se diciamo che l’acqua viene utilizzata come arma di guerra contro i popoli. Il caso della Striscia di Gaza parla da sé. Tuttavia, non abbiamo ancora idea dell’entità del fenomeno, perché siamo abituati a considerare che i casi più noti siano piuttosto delle eccezioni. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Caos geopolitico e lotta di classe

Raúl Zibechi

La crisi venezuelana può saldarsi con una guerra civile e internazionale se non si riesce a bloccare il rampante militarismo di coloro che vogliono rovesciare il governo di Nicolás Maduro, che fanno appello ad un colpo di stato che integri la destabilizzazione che viene promossa da Washington. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Un salto qualitativo nelle tormente

Raúl Zibechi

“Stiamo entrando in una nuova normalità. Le cose non sono come erano 10 anni fa”. Le frasi non appartengono ad un intellettuale ma a qualcuno realmente importante: il capo dei pompieri di una contea della California. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Emanciparci dal “mandato di mascolinità”

Raúl Zibechi

L’antropologa Rita Segato analizza la violenza contro le donne sulla base del suo lavoro con persone abusate e con abusatori. A mio modo di vedere, si tratta di importanti apporti all’emancipazione delle donne, Prosegui la lettura »

Nessun commento

Lo tsunami dell’ultra destra nel mondo

Deyanira Morán / Damián Mendoza

Perché avanza l’ultra destra nel mondo? Che vedono gli elettori nei nuovi leader segnalati come autoritari, xenofobi e razzisti? Questi leader dove conducono il mondo? Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Dire “fascismo” confonde e spoliticizza

Raúl Zibechi

L’attuale estrema destra è figlia dell’estrattivismo/quarta guerra mondiale, mentre il fascismo fu partorito dal capitalismo monopolista in competizione per i mercati mondiali, dal colonialismo e l’imperialismo nella loro deriva razzista, come segnalò Hannah Arendt in Le origini del totalitarismo. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

L’amichevole Israele-Argentina è stata annullata

Lunghe polemiche e una serrata campagna di boicottaggio hanno accompagnato la selección dall’annuncio dell’amichevole pre-mondiale programmata a Gerusalemme contro la nazionale di calcio di Israele: le forti pressioni hanno costretto la federazione argentina ad annullare la partita anche dietro indicazioni di alcuni calciatori della squadra. Prosegui la lettura »

Nessun commento