Archivio per la categoria Mondo

Fuori dal pantano della geopolitica

Raúl Zibechi

La geopolitica riguarda i pensieri e i modi imperiali di vedere il mondo, è al servizio degli Stati più potenti. È nata in questo modo e continua a essere tale, anche se alcuni intellettuali insistono su una sorta di geopolitica delle sinistre, o addirittura rivoluzionaria. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Transizione energetica: dal neoliberalismo verde all’ecologismo popolare

Jorge Chemes e Pablo Bertinat

Nel contesto della crisi climatica, risuona l’appello alla “transizione energetica” come sinonimo di meno emissioni di gas serra e maggior uso di fonti energetiche non fossili. Ma ci sono chiare differenze tra quello che propongono le grandi imprese e, dall’altro lato, quello che promuovono le organizzazioni sociali. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Violenza, non violenza e pacifismo

Raúl Zibechi

Quando scoppiano guerre tra stati, che vanno al di là anche delle guerre quotidiane che subiscono i popoli del Messico, Colombia e Guatemala, tra i molti altri, è necessario prendere una posizione chiara sui passi da fare. In questi giorni ascoltiamo che delle persone dell’Ucraina, di sinistra e anche anarchiche, decidono di aderire alla guerra contro l’invasore. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Un conflitto globale

Ignacio Ramonet

Anche se per ora la guerra si sviluppa in un teatro di operazioni limitato al territorio dell’Ucraina, le sue ripercussioni sono planetarie: nessun paese è salvo dai suoi effetti. La posizione della Cina, il riarmo tedesco e l’avvicinamento tra Stati Uniti e Venezuela così lo dimostrano. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Messico: Migliaia di zapatisti si mobilitano contro le guerre, cancellando il “mito” della loro “inesistenza”

Gloria Muñoz Ramírez

San Cristóbal de las Casas | Chiapas. Un piccolo bambino zapatista distribuisce volantini e fogli informativi nelle strade di San Cristóbal de las Casas con i quali si chiede uno stop a tutte le guerre. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Popoli originari e guerre imperiali

Raúl Zibechi

Da cinque secoli, i popoli originari delle Americhe stanno subendo una guerra di saccheggio, un lunghissimo etnocidio che cominciò con la dominazione coloniale, proseguì durante le repubbliche e si approfondisce (sì, ogni volta è peggio) durante il periodo neoliberale attraverso l’accumulazione per saccheggio o quarta guerra mondiale. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Tenere il timone in mezzo alle tempeste e ai collassi

Raúl Zibechi

Viviamo in un mondo di tempeste sistemiche e collassi sociali, aggravati e accelerati durante la pandemia di coronavirus. Non è solo un nuovo scenario per le forze antisistemiche, per noi che non abbiamo una recente esperienza in questo tipo di congiunture, Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Un gruppo di scienziati denuncia l’indifferenza globale di fronte alla sesta estinzione di massa delle specie

Pablo Rivas

Nonostante che i ritmi di scomparsa di specie stiano accelerando, uno studio mette in allerta sul fatto che la struttura della Lista Rossa delle Specie Minacciate, così come alcune tendenze d’opinione, potrebbero stare ridimensionando un problema allarmante e globale. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Speculazione immobiliare, diritto all’abitazione, finanziarizzazione ed estrattivismo urbano

Ana María Vásquez Duplat

Il libro “La guerra dei luoghi. La colonizzazione della terra e dell’abitazione nell’era delle finanze” affronta la complessa e oscena relazione tra il capitale finanziario e i settori politici che, in cerca di affari, mettono da parte i diritti della popolazione al territorio. Circa 3,8 milioni di famiglie dell’Argentina hanno problemi abitativi. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Note sul Brasile e il mondo

João Pedro Stedile

L’elezione di Bolsonaro è stata solo una conseguenza dei movimenti della borghesia, che lo ha eletto per garantire che non ritorni la sinistra e il PT. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

A che punto del collasso siamo

Raúl Zibechi

In diverse occasioni abbiamo citato la tormenta sistemica e il collasso di civiltà a cui si sta per affacciare l’umanità nel prossimo futuro. È stato uno dei nuclei della discussione promossa dall’EZLN nel 2015, nel seminario “Il pensiero critico di fronte all’Idra capitalista“. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

I nuovi muri della prigione globale, un saggio di John Berger

John Berger

La straordinaria poetessa statunitense Adrienne Rich ha detto poco tempo fa in una conferenza che: “Un rapporto elaborato quest’anno dall’Ufficio di Statistiche della Giustizia rivela che una persona su 36 che abita nel territorio statunitense sta dietro le sbarre -molte di loro nel carcere, senza condanna”. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

COVAX: l’imbroglio

Silvia Ribeiro

Questa istituzione privata cerca di evitare che siano prese misure indispensabili, come la cancellazione dei brevetti dei vaccini e il sostegno internazionale al rafforzamento delle capacità nazionali per prevenire prossime pandemie. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

La pandemia è il capitalismo

Foto: Nelic/Shutterstock

Maria Galindo

L’attivista boliviana condivide con MU questo testo che è il frutto di una lezione nella quale non sbandiera verità profetiche, ma pensa la post-pandemia dalla incertezza, dalla domanda, dall’intuizione e dalla “verifica”. Il risultato è un dizionario sul lessico con il quale governi di sinistra e di destra disciplinano le società. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Estrattivismo, conflitti, resistenze

[Il 20 febbraio è stato inaugurato il portale ECOR.network – Extractivism, COnflicts, Resistances. Di seguito pubblichiamo l’articolo di apertura. Alexik]

ECOR.network  nasce come spazio di dibattito e approfondimento sull’aggressione del profitto contro i territori, e di informazione sui movimenti di resistenza. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento