Articoli con tag Elezioni

Cile: Echi del Plebiscito e la risposta popolare a Boric

Gustavo Burgos Velázquez riflette e pensa il Cile in chiave di Rivoluzione. Profondamente umanista, si definisce marxista. È avvocato difensore di cause legate al Popolo Mapuche e a lavoratori portuali di Valparaíso, dove vive. Dirige “El Porteño”, rivista di sinistra, e conduce il programma radio “Mate al Rey” (Scacco Matto al Re), da dove ha predetto il risultato del Plebiscito del 4 settembre, analizzando il soggetto storico personificato nei lavoratori sfruttati, circa la lotta di classe dal fondo dei tempi. Prosegui la lettura »

, , , , , ,

Nessun commento

Cile: Gli studenti secondari manifestano per la riforma dell’educazione e contro la repressione di Boric

Un’altra volta i carabinieri hanno attaccato i giovani. Questo giovedì è il terzo giorno consecutivo di manifestazioni studentesche, martedì scorso hanno protestato contro la riforma ministeriale. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Cile: I carabinieri del “progressista” Boric reprimono brutalmente gli studenti

Centinaia di studenti che questo martedì manifestavano pacificamente in Plaza Dignidad a Santiago a favore di un nuovo processo costituente in Cile sono stati repressi da questa istituzione criminale chiamata Carabinieri. Prosegui la lettura »

, , , , , ,

Nessun commento

Cile: Il CAM giudica il plebiscito come “uno show folcloristico”

Il gruppo ha dichiarato che “rendiamo responsabile questo nefasto governo di dar continuità all’estrattivismo indiscriminato e alla militarizzazione del nostro territorio mapuche, in alleanza con le grandi imprese forestali e i conglomerati economici”. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Cile: Sconfitta della politica dal basso

Raúl Zibechi

I risultati sono inappellabili. Una sconfitta senza palliativi, così ampia e potente che fa entrare in crisi il governo di Gabriel Boric e i partiti che lo appoggiano, ma anche il movimento popolare che si è lanciato nelle strade nell’ottobre del 2019 chiedendo la rinuncia di Sebastián Piñera e la fine del neoliberalismo selvaggio in Cile. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Cile: Il voto per il rifiuto della nuova Costituzione si impone all’approvazione con un ampio margine

Continuerà a vigere la Costituzione pinochetista.

Ha causato sorpresa il risultato giacché i sondaggi prima dell’elezione davano il trionfo del voto per l’Approvazione. I risultati indicano che nella grande maggioranza dei comuni il voto per il Rifiuto si è imposto all’Approvazione. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Colombia: Pablo Beltrán, comandante dell’ELN: “…camminiamo per diverse strade verso una società più giusta”

María Fernanda Barreto

Intervista esclusiva al Comandante Pablo Beltrán, capo della Delegazione di Pace dell’ELN, a proposito dei possibili dialoghi con il nuovo governo colombiano. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Colombia: Francia Márquez dice che “la vicepresidenza è un mezzo, il fine è raggiungere la pace e la dignità”

Gerardo Szalkowicz

Il fenomeno Francia Márquez ha rivoluzionato la politica colombiana e ha segnato il polso di un’elezione che ha aperto la strada al primo governo progressista della sua storia. Una chiacchierata a fondo con la dirigente sociale e ambientalista, prima vicepresidente nera del paese del caffè. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

La Seconda Marquetalia chiede a Gustavo Petro di “dialogare per fermare la guerra” in Colombia

Gli ex comandanti delle FARC che hanno abbandonato il fallito Accordo di Pace dopo le elezioni hanno emesso un comunicato. Prosegui la lettura »

, , , , ,

Nessun commento

Colombia: Tra l’allegria della vittoria e l’enorme sfida di un avvenire difficile ma non impossibile

Carlos Aznárez

L’esplosione di euforia che è scoppiata in Colombia e in tutta la Patria Grande con il trionfo dell’accoppiata Gustavo Petro e Francia Márquez, parla da sé stessa di quanti decenni di lotte d’ogni tipo e le loro conseguenze su uomini e donne colpiti, torturati, incarcerati e assassinati, hanno preceduto un tale avvenimento. Prosegui la lettura »

, , , ,

Nessun commento

Colombia: Andiamo con i cambiamenti e la pace

Comando Centrale ELN (COCE)

Ieri Gustavo Petro è stato eletto Presidente, questo Governo deve affrontare i cambiamenti per una Colombia in pace, tra i più urgenti ci sono l’inclusione politica ed economica, un’economia sovrana senza saccheggi, e una nuova Dottrina della Sicurezza e dei Diritti Umani. Prosegui la lettura »

, , , , , ,

Nessun commento

Colombia: Petro vince le presidenziali chiedendo di “mettere fine all’odio e al settarismo”

I risultati preliminari del preconteggio elettorale dell’Anagrafe Nazionale della Colombia rivelano che Petro, del Pacto Histórico, è il nuovo presidente eletto, dopo aver sconfitto nelle urne il suo avversario Rodolfo Hernández, della Lega dei Governanti contro la Corruzione. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Bolivia: Lotta tra Evo Morales e Luis Arce per le elezioni del 2025?

Boris Acosta

L’unico modo per la destra di giungere al potere passa per la divisione del MAS.

Dopo il suo ritorno al potere, il governo del Movimento al Socialismo (MAS) boliviano mantiene una significativa popolarità e una forte capacità di mobilitazione sociale, Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Elezioni in Colombia: sorprese, dispiaceri e l’ottimismo della volontà

Gerardo Szalkowicz

Gustavo Petro, il candidato del progressismo e della sinistra, ha ottenuto un ampio trionfo ma minore di quanto sperato. Ora dovrà disputare il ballottaggio con Rodolfo Hernández, il “Trump creolo” che ha già ricevuto l’appoggio dell’uribismo che è rimasto terzo. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Gustavo Petro denuncia un piano per sospendere le elezioni in Colombia

Ha affermato che la destra vuole far sparire la vittoria del popolo alle presidenziali del 29 maggio e ha fatto appello a mantenere la calma se avviene un golpe. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento