Archivio per la categoria Stati Uniti

Il disastro perfetto: Naomi Klein e il coronavirus come dottrina dello shock

Marie Solis

La giornalista Naomi Klein, autrice di libri come “No Logo” e “La Dottrina dello Shock”, analizza in questa intervista con Vice le speculazioni intorno alla pandemia, il ruolo degli Stati Uniti e come uscire dalla quotidiana emergenza per pensare al di qua della vita: “Quello che un momento di crisi come questo rivela è l’interrelazione tra di noi. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

La destra in Bolivia è molto divisa, molto screditata

James Petras

Nonostante le debolezze e gli errori di Evo Morales e del MAS, questo potrebbe vincere le elezioni. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Il collasso del sistema in Honduras causa l’emigrazione

Laura Carlsen

Quattromilaseicentottantatre chilometri separano Tijuana e Tegucigalpa. La connessione è contrassegnata dalla rotta migratoria di esseri umani obbligati a partire in cerca di un habitat sicuro. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Eddie Africa: Libero!

Mumia Abu-Jamal

La notizia è giunta come un raggio di luce nella notte. Oggi hanno liberato Eddie Africa.

Eddie Africa, membro del MOVE e sopravvissuto l’8 agosto 1978 allo scontro con la polizia di Filadelfia, è libero.

Dopo più di 40 anni nelle prigioni federali e statali della Pensilvania, Eddie Africa è tornato a casa. Prosegui la lettura »

, , ,

Nessun commento

Irruzione della polizia nell’ambasciata venezuelana a Washington

Redazione Contropiano

I dirigenti di Code Pink riferiscono che le autorità degli Stati Uniti sono entrate nell’ambasciata venezuelana in D.C. per arrestare quattro attivisti rimasti a “proteggere l’ambasciata”, violando la legge e le convenzioni internazionali. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Le guerre contro Assange

Mumia Abu Jamal

La decisione dell’Ecuador di ritirare l’asilo politico ad Assange, lo ha reso vulnerabile all’aggressione velenosa del governo degli Stati Uniti. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Venezuela: Molto di più del petrolio

Raúl Zibechi

L’attuale assalto degli USA contro il Venezuela si suole spiegare per due ragioni complementari: il paese caraibico possiede le maggiori riserve mondiali di greggio e, parallelamente, il controllo completo dei Caraibi è un obiettivo irrinunciabile per il Pentagono giacché è la principale base del suo dominio globale e la principale trincea difensiva. Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Esclusivo: Nella riunione di Bogotà Pence ha rimproverato Guaidó

LPO

Il vicepresidente degli Stati Uniti ha rimproverato il venezuelano poiché non è avvenuta la sperata diserzione di massa dei militari. Temono che l’opposizione al regime di Maduro perda la sua occasione. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Dalle “missioni di pace” agli “aiuti umanitari”

Raúl Zibechi

Finalmente conosciamo nel dettaglio la partecipazione dei militari nel governo di Jair Bolsonaro. Un rapporto del quotidiano Zero Hora, di Porto Alegre, assicura che 100 ufficiali occupano i più alti livelli del governo, dal presidente al suo vice fino ai ministri, Prosegui la lettura »

, ,

Nessun commento

Verso la guerra civile in Venezuela

Proponiamo un articolo scritto da Raul Zibechi sulla questione venezuelana. Una riflessione che inserisce gli accadimenti di queste settimane in un contesto geopolitico in trasformazione, in particolare rispetto alla crisi dell’egemonia globale statunitense. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Intellettuali sollecitano gli USA a cessare le azioni contro il Venezuela

In una lettera aperta a Donald Trump gli intellettuali hanno avvertito sulle conseguenze continuando con una politica aggressiva contro il Governo venezuelano.

Almeno 70 intellettuali, scienziati, artisti e attivisti hanno chiesto agli Stati Uniti di cessare qualsiasi tentativo di abbattere il Governo del Venezuela. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Alla frontiera con gli Stati Uniti lanciano gas lacrimogeni contro i migranti

Redazione Desinformémonos

Città del Messico / La Pattuglia di Frontiera degli Stati Uniti ha effettuato un’operazione per evitare che circa 150 migranti attraversassero la frontiera Tijuana-San Diego all’alba del 1 gennaio e ha lanciato gas lacrimogeni verso il territorio messicano. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Ribellioni nelle prigioni e la lotta contro la detenzione di massa

Mumia Abu-Jamal

Voi non lo saprete attraverso rapporti che escono nei media delle compagnie, ma nelle prigioni della nazione si sta facendo una lotta contro la detenzione di massa.

Le ed i prigionieri fanno scioperi della fame e altre azioni collettive per dare voce alla nazione incarcerata: una manifestazione della detenzione di massa. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Repressione alla frontiera: il Messico chiede agli USA di indagare l’uso delle armi contro i migranti

Città del Messico / Ieri la Segreteria delle Relazioni Estere (SRE) ha chiesto al governo degli Stati Uniti di realizzare un’indagine esaustiva sull’uso delle armi non letali, quando le autorità statunitensi hanno lanciato gas lacrimogeni dal proprio paese su alcuni migranti centroamericani che protestavano sul lato messicano della frontiera che separa San Diego e Tijuana. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento

Frontiera Usa-Messico: migranti provano a sfondare, la polizia di Trump gasa le Caravanas

Centinaia di persone facenti parte delle Carovane Migranti dell’America Centrale hanno provato a oltrepassare il confine tra Messico e Stati Uniti nella giornata di ieri. Prosegui la lettura »

,

Nessun commento