Nicaragua sotto Daniel Ortega e il coronavirus


Matthias Schindler

“Normalità” due anni dopo il 18 aprile.

Nelle pagine seguenti descrivo i principali incontri ed eventi che ho vissuto durante il mio soggiorno in Nicaragua dal 14 al 28 marzo 2020.

Ho notato molti dettagli che dall’estero non sono riuscito a vedere, nonostante molti articoli, informazioni, e-mail e messaggi che quotidianamente ho ricevuto dal e sul Nicaragua. Poiché sono da più di quarant’anni un attivista della solidarietà con il Nicaragua, questa cronaca è espressione di una visione sia dall’esterno che dall’interno del paese.

Ho cambiato tutti i nomi per motivi di sicurezza, ma le funzioni citate sono in tutti i casi corrette.

Il Nicaragua si trova in un duplice stato di emergenza: il governo Ortega-Murillo ha messo il paese in uno stato d’emergenza di fatto, con il risultato di massicce violazioni dei diritti umani e di un’abolizione quasi totale di tutte le libertà democratiche. Va sottolineato che tutti i gruppi d’opposizione, le organizzazioni, i partiti e le alleanze, nonostante la loro pluralità e diversità, sono d’accordo su un punto centrale: non vogliono prendere le armi, ma lottare per una transizione pacifica e costituzionale verso una democrazia post-Ortega. La presenza onnipresente delle forze di polizia, alcune vestite di nero, altre di azzurro, molte con addosso armature e armi da guerra in mano, è assolutamente terrificante. Una dimostrazione così minacciosa del potere repressivo dello stato, che finora ho visto solo una volta nella mia vita: durante gli ultimi anni della dittatura franchista in Spagna.

Il principale messaggio che molte amiche e molti amici di assoluta fiducia mi hanno dato da portare nel mio paese è: Sostenete la nostra lotta civile con la vostra solidarietà! Il suo primo e più importante compito è quello di isolare a livello internazionale il regime Ortega-Murillo. Ci siamo impegnati nella lotta di resistenza civile e pacifica, ma per questo abbiamo bisogno del vostro sostegno. Senza la solidarietà internazionale, abbiamo poche possibilità di lottare contro questo sistema di terrore e di violenza. Ci saranno elezioni democratiche solo se Ortega sarà sottoposto ad una pressione esterna talmente forte da costringerlo a fare concessioni democratiche. È essenziale congelare immediatamente e nella misura del possibile ogni cooperazione con il regime, fino a quando la libertà e la democrazia non saranno state ripristinate in Nicaragua. Qualsiasi progetto sociale realizzato in collaborazione con un’istituzione statale, indipendentemente dal livello, è principalmente un sostegno politico alla dittatura. Fermate questi progetti che certamente sono di nostro interesse! Dal semplice tassista ai massimi rappresentanti dell’opposizione, ho ascoltato il messaggio esplicito: Isolate la dittatura! Siamo pronti a lottare pacificamente e a soffrire per il rovesciamento del regime Ortega-Murillo. Ma non vogliamo qualche connessione con la rete d’acqua potabile o di elettricità, che dobbiamo pagare con la nostra libertà e con il nostro sangue!

14 marzo 2020

Negli ultimi due giorni prima del mio viaggio, il coronavirus ha avuto nel mondo il più alto tasso di infezioni e decessi al giorno. Anche se il numero di infezioni e morti in Cina è diminuito nel corso di alcune settimane, a partire dal 24 febbraio i casi al di fuori della Cina hanno superato il numero dei casi interni. Dal 26 febbraio, il numero di vittime contagiate e mortali è aumentato considerevolmente in tutto il mondo. L’Italia è stata messa dal governo in totale quarantena. Gli Stati Uniti hanno bloccato l’ingresso nel paese non solo ai passeggeri aerei di Cina e Iran, ma anche dall’UE. Se avessi prenotato un volo attraverso gli Stati Uniti, come al solito, il mio viaggio sarebbe finito qui. L’11 marzo l’OMS ha dichiarato l’epidemia di coronavirus come pandemia.

Nonostante i consigli ben intenzionati di amici e familiari, ho deciso di mantenere il mio piano di viaggio in Nicaragua. Lo avevo preparato da molto tempo. Volevo riannodare la comunicazione personale con i miei amici in Nicaragua. Avevo pubblicato diversi articoli sul Nicaragua e per quasi due anni potevo attingere solo da fonti personali tramite Internet o di seconda mano. Per me era importante ottenere una visione aggiornata attraverso la mia stessa esperienza. Questo era particolarmente importante per me, perché in questo momento all’interno del movimento di solidarietà ci sono diverse interpretazioni dell’attuale situazione in Nicaragua e anche differenti posizioni sulla questione di come dobbiamo orientare il nostro lavoro di solidarietà in queste condizioni.

Sull’aereo per Panama c’erano molti posti liberi. Ho potuto condividere una fila di quattro posti con un altro passeggero che anche lui voleva andare in Nicaragua.

All’aeroporto di Panama, un gruppo di persone totalmente con vestiti protettivi, ha esaminato, interrogato e sottoposto a una misurazione della temperatura tutti i passeggeri dell’aereo. Questo aeroporto sembrava essere frequentato come sempre. Solo una piccola minoranza portare mascherine protettive.

Salvo un ritardo di tre ore, ho preso tranquillamente il volo per Managua. La grande domanda era se potevo entrare in Nicaragua senza problemi. È comunemente risaputo che gli agenti orteghisti rubano i cellulari, notebook, tablet o macchine fotografiche non solo ai cittadini nicaraguensi per identificare le reti di comunicazione della gente, ma che li tolgono anche agli stranieri con lo stesso scopo. Per questo avevo lasciato a casa tutti i miei dispositivi elettronici, i miei contatti, le mie e-mail e il mio WhatsApp, tutto quello che facilita tanto la comunicazione nel mondo. Non volevo mettere in pericolo né me stesso, né i miei contatti in Nicaragua. Ma alla dogana tutto si è svolto nella maggior routine e tranquillità. Ho dovuto fornire solo una persona di contatto e il suo numero di telefono all’interno del paese, anche se questo non era richiesto nel modulo d’ingresso. Così sono tornato a Managua quasi due anni dopo aver lasciato il Nicaragua il 15 aprile, appena tre giorni prima dell’esplosione sociale del 2018. Le strade erano insolitamente vuote per un venerdì sera. Ho ricevuto il mio nuovo telefonino prepagato di Movistar. E poi, dopo un viaggio di 24 ore, sono caduto nel mio abituale letto nella casa di amici dove sono stato così tante volte negli ultimi 35 anni.

15 marzo

Domenica ho riposato dal viaggio e ho cominciato a preparare la mia infrastruttura per la visita in Nicaragua: spacchettare i miei vestiti, mettere la zanzariera sul mio letto, attivare il cellulare Movistar (dopo aver inserito il chip nello smartphone che ho portato con me), informare la mia compagna che ero arrivato bene, comprare frutta, mettermi in comunicazione con i miei primi contatti, organizzare le prime riunioni, prendere una bistecca super gustosa e tenera al ristorante Don Parrillón … e poi lottare contro la stanchezza per non andare a letto troppo presto e poi svegliarmi troppo presto.

Si era ormai trasformato in una consuetudine recarsi in Nicaragua una volta all’anno, di solito appena prima di Pasqua, per incontrare gli amici e conoscere la situazione politica e sociale in quel paese. A causa della politica repressiva del regime di Ortega e delle condizioni incerte ad essa associate, l’anno scorso ho dovuto rinunciare al viaggio. Sfortunatamente, non mi è più permesso vedere Moniquita, la mia migliore amica da molto tempo in Nicaragua. Prima di morire, alcune settimane fa, ha dovuto essere ventilata a mano per 24 ore perché non c’era un ventilatore disponibile. Quando è stata trasferita nell’ospedale militare, il più attrezzato, che è stato possibile solo perché era stata depositata a garanzia una carta di credito, il ventilatore non poteva fare più nulla.

16 marzo

Mi sono svegliato alle 5.00 del mattino, proprio il momento giusto per fare un giro a piedi. Ho camminato dalle 5.30 fino alle 7.30 del mattino, forse non così dinamico come negli anni precedenti, ma così avrei potuto comunque fare 6 o 7 chilometri.

Al ritorno ho appreso che la compagnia aerea aveva cancellato il mio volo di ritorno. Ma il mio soggiorno in Nicaragua avrebbe potuto estendersi … in quel momento nulla era chiaro. Ma avevo un buon posto per soggiornare, in un ambiente piacevole e di fiducia.

In serata ho visitato Alejandra e Víctor, senza che ci dessimo abbracci o baci, ma emotivamente e politicamente ancor più cordialmente. Durante la rivoluzione sandinista, appartenevano al FSLN. Alejandra è una femminista ed è stata promotrice del Movimento Autonomo delle Donne (MAM) in Nicaragua. Víctor è attualmente un membro di spicco dell’Alleanza Civica per la Giustizia e la Democrazia. Entrambi mi hanno espressamente avvertito di non incontrare i leader dell’orteghismo locale a León. Secondo loro, dall’aprile 2018 León si è trasformata in un centro di repressione in Nicaragua. Dal capo della polizia locale, fino ai paramilitari e ai vari fanatici sostenitori del “comandante”, alcuni dei peggiori torturatori e assassini del regime si sono concentrati a León. Anche l’ex sindaco Tránsito Téllez, che trasmette messaggi di carità cristiana attraverso la Radio Venceremos, appartiene a questo gruppo. Non è un segreto che Manuel Calderón, che si era guadagnato il titolo di “comandante garrotta” a causa della sua violenta aggressione contro i partecipanti di una manifestazione del partito di opposizione MRS prima delle elezioni locali del 2008, è stato il capo dei paramilitari e di altri coinvolti nella repressione di massa del 2018. Dopo essere stato nominato illegalmente sindaco di León dal Consiglio Supremo Elettorale e dopo essere stato incostituzionalmente destituito da Murillo, oggi è l’uomo forte a León che governa la città dalla casa del partito del FSLN. Ad Amburgo, le autorità tedesche hanno recentemente rifiutato la richiesta di asilo di un giovane che, nel 2018, riuscì appena a uscire vivo da questa casa, dove lo avevano gravemente torturato.

Il nucleo duro del locale orteghismo ha oltrepassato una linea rossa con le sue retate e omicidi a León. Attraverso questi crimini, che peraltro non sono ufficialmente indagati, coloro che li commettono sono quasi inestricabilmente legati a Ortega e al suo sistema e sono l’immagine visibile dell’attuale FSLN. Pertanto, non avranno paura di commettere altri crimini sanguinosi se riceveranno i relativi ordini da Ortega o dalla Murillo.

Alejandra e Víctor mi hanno parlato della recente formazione della Coalizione Nazionale e mi hanno spiegato che si tratta di una piattaforma molto ampia, e che per questo è la cosa più naturale che all’interno di questa organizzazione esistano differenze e dispute. Ma non sarà possibile rovesciare la dittatura senza un fronte comune di tutte le forze politiche d’opposizione. Per quanto riguarda la partecipazione del PLC (il cui ex presidente Arnoldo Alemán, attraverso il suo patto con Ortega, rese possibile il ritorno al potere di Ortega nel 2007) hanno sottolineato che questo partito è ancora un importante fattore politico nel paese perché ha una base storicamente ben solida, soprattutto nelle zone rurali. L’antico gruppo di direzione intorno ad Alemán è sotto un’enorme pressione politica da parte della base del partito, che sta rivendicando una rottura definitiva con Ortega e un coinvolgimento nell’ampia Coalizione per unire le forze per abbatterlo.

Il 15 marzo 2020 una massiccia presenza di forze di polizia ha impedito alla Coalizione Nazionale di fare una riunione per costituirsi nella città di León.

17 marzo

Ho deciso di rimandare le mie riunioni con tutti gli anziani alla prossima settimana. La probabilità che sia stato infettato dal coronavirus è estremamente bassa. Posso anche facilmente rispettare le misure attualmente richieste, come lavarmi regolarmente le mani e mantenere una certa distanza dalle persone. Ma sarebbe stato comunque un errore imperdonabile esporre persone importanti della resistenza politica, alcune di loro con più di 80 o addirittura 90 anni, al minimo rischio di infezione da virus attualmente senza freni.

Così ho avuto molto tempo per parlare con la residente tedesca Johanna, che ha vissuto e lavorato in Nicaragua per più di 20 anni. Conferma, come ho sentito in molte occasioni, che a questo punto Daniel Ortega è respinto dalla stragrande maggioranza della popolazione. Ma, d’altro canto, c’è anche una diffusa profonda sfiducia verso tutte le istituzioni, in particolare delle strutture statali, di partito, ma anche delle opposizioni. La gente vuole la fine della dittatura, ma questo non significa che siano automaticamente convinti dell’opposizione. Vuole una transizione civica e attraverso le elezioni. Tuttavia, vi è anche chi ha l’impressione diffusa che, in un modo o nell’altro, i risultati elettorali saranno falsificati, per cui gli sembra meglio non partecipare e privarle di legittimità attraverso un basso tasso di partecipazione. Qui non sarà facile trovare un denominatore comune.

Nonostante ciò, se l’opposizione non riesce a sviluppare un progetto comune, Ortega avrà una partita facile per mantenersi al potere. È un maestro dell’inganno politico, di promesse pubbliche e patti segreti, del metodo del bastone e della carota, della menzogna e del cinismo. Nessuno domina il principio del divide et impera meglio di lui.

18 marzo

In aeroporto, ho dovuto fornire nel modulo d’ingresso nel paese un contatto telefonico all’interno del Nicaragua. Oggi ho ricevuto una chiamata dal centro sanitario e mi hanno chiesto come stavo e se avessi dei sintomi che indichino un’infezione da coronavirus. Ho potuto confermare tranquillamente che ero in ottima salute. La persona che ha chiamato ha detto che avrebbe richiamato entro 5 giorni per chiedermi un’altra volta circa le mie condizioni di salute (che in realtà avrebbe fatto più tardi).

In serata ho avuto una lunga conversazione con Alberto, un editore di sinistra non dogmatico che è stato attivo fin dalla lotta contro il dittatore Somoza. È uno dei nicaraguensi più letti che abbia mai conosciuto, ed è una mente molto educata e critica. Quando gli ho chiesto che cosa dovrebbe fare la solidarietà internazionale nell’attuale situazione in Nicaragua, ha risposto senza esitare: il regime di Ortega deve essere isolato a livello internazionale. La lotta della popolazione per una vita dignitosa e libera dipende dal sostegno internazionale. Senza pressioni internazionali, non ci saranno elezioni legittime e democratiche. Qualsiasi forma di pressione sul regime è un sostegno al popolo. L’appoggio che sta ancora sostenendo Ortega non supera il 20%, anche se ci sono fonti che indicano che il suo sostegno arriva solo al 10 per cento. È stata una decisione importante della Banca Centroamericana di Integrazione Economica (BCIE) quella di fermare un prestito di 7 milioni di dollari destinato alla polizia nicaraguense. Tuttavia, è stata più una mossa simbolica, giacché negli ultimi mesi aveva già trasferito più di $ 50 milioni per la polizia, con i quali hanno comprato i famigerati furgoni e altre equipaggiamenti della polizia. Negli ultimi due anni, la BCIE è stata un importante prestatrice per il governo orteghista.

In questo contesto è stato importante, ha sintetizzato Alberto, che l’Unione europea abbia isolato ed esercitato pressioni sul regime in varie forme politiche ed economiche, per costringere Ortega a porre fine alla repressione, liberare i prigionieri politici e avviare un dialogo con l’opposizione su un processo elettorale democratico.

19 marzo

Giovedì sono andato a León per vedere la città dove, dal 1984, ho trascorso più di due anni della mia vita in varie missioni di solidarietà. I proprietari delle tenute vicino alla strada vecchia o nuova verso León dal decennio del 1980 hanno sempre mostrato pubblicamente le loro preferenze politiche issando le bandiere rosse (liberali), verdi (conservatori) o rossonere (sandinisti) e anche attraverso rispettivi murales. Ora non ho visto nemmeno una sola bandiera o murales in tutta la strada. Alcuni potrebbero non aver mostrato la propria bandiera per paura, altri forse per vergogna. Neppure questa normalità delle bandiere colorate degli ultimi decenni si può trovare nell’attuale Nicaragua.

La strada per León, la strada vecchia, era completamente vuota. Il paese sembra paralizzato. In generale, nella stessa Managua, in tutto il cammino e anche nello stessa León, non c’era un solo cartello con Ortega, sua moglie o messaggi di “solidarietà cristiana e socialista”. Fino al massacro di aprile 2018 e nei mesi successivi, questo faceva parte dell’immagine generale delle strade. Il colore “rosa-chicha”, che Rosario Murillo scelse una volta come simbolo del nuovo orientamento pseudo-religioso ed esoterico del FSLN, è scomparso in gran parte del pubblico. Qualche anno fa, tutti gli studenti volevano uno zaino scolastico in rosa-chicha, oggi si vedono solo in casi isolati. Non si vede a Managua, né a León, nemmeno una maglietta con uno slogan politico, una testa, un partito o qualsiasi altro simbolo politico. Anche questa normalità di lunga data è completamente scomparsa, con l’eccezione, naturalmente, quando la Murillo ordina qualche dimostrazione di potere e un certo abbigliamento per questa. Ad esempio, durante la messa per Ernesto Cardenal il 2 marzo, gruppi di orteghisti fanatici che erano arrivati in modo ben organizzato su vari autobus e che erano quasi in uniforme con fazzoletti rossoneri occuparono una parte della cattedrale di Managua, sventolarono bandiere del FSLN e gridarono slogan contro l’opposizione politica e, pertanto, contro lo stesso Cardenal. Allo stesso tempo, la Murillo aveva pubblicato sulla piattaforma orteghista, El19digital, un articolo “in onore” del poeta, non superabile nella sua falsità. Il colmo era dichiarare tre giorni di lutto nazionale per il defunto. Chi conosce gli intrighi, le calunnie e l’intransigenza con cui questa donna ha perseguitato il poeta dal decennio del 1980, difficilmente si riescono a trovare aggettivi per caratterizzare adeguatamente questa cinica duplicità.

Attualmente, nessuno parla in pubblico di politica. L’unica cosa che si può sentire, è la speranza religiosa di un miglioramento della situazione del paese. Nonostante ciò, la fede cristiana è presente in tutti i settori politici e sociali del Nicaragua.

Denis, un giovane ingegnere che si occupa della realizzazione di progetti, spiega che tutti i progetti che vengono realizzati in collaborazione con il sindaco comunale sono indebitamente strumentalizzati per gli obiettivi politici del partito FSLN. Poi si dice più e più volte che questi progetti sono sorti “grazie al comandante” (Ortega) o “grazie alla compagna” (Murillo). I donatori internazionali vengono citati di sfuggita solo per dimostrare, attraverso questa cooperazione, che il governo di Ortega o i suoi burattini locali godono del sostegno della comunità internazionale che, pertanto, riconosce la presunta “normalità” esistente in Nicaragua. Fino a quando la solidarietà internazionale continuerà a portare avanti progetti di cooperazione con il municipio, sosterrà la dittatura di Ortega-Murillo. Il regime sta abusando di questi progetti per legare i beneficiari a loro e per impegnarli a ringraziare il presidente per questo. Chiunque lo critichi sarà insultato e discriminato come un soggetto “ingrato”.

Allo stesso tempo, tutto il sistema sociale, che brilla all’esterno con slogan come “assistenza medica gratuita” o “istruzione scolastica gratuita per tutti”, è completamente marcio all’interno. Quando Denis, che soffre di una allergia, una volta ebbe uno shock allergico e svenne a causa della mancanza d’aria, gli fu negato il trattamento in ospedale perché il medico di guardia disse che era ubriaco. Fu solo dopo che sua moglie scatenò un grosso scandalo che fu esaminato e si scoprì che non aveva nemmeno una goccia di alcol nel sangue. Poi successe tutto così in fretta, ottenne una ricetta per il cortisone, corse nella farmacia più vicina per comprare il farmaco, gli iniettarono il cortisone e in poco tempo riprese conoscenza. Nonostante ciò, quando capì che era nell’ospedale HEODRA e vide gli scarafaggi correre in giro allegramente, si fece forza per alzarsi e lasciare questo posto il più velocemente possibile. In quel momento i medici improvvisamente volevano tenerlo lì un giorno o due in più per osservarlo. Ma fuggì da questo posto perché temeva che lì si sarebbe solo infettato con altre malattie.

Quando il mio vecchio amico Fernando, un uomo della prima ora di solidarietà tra Amburgo e León e un ex quadro intermedio del FSLN, ha saputo della mia presenza a León, voleva incontrarmi immediatamente. Solo dieci minuti dopo la mia chiamata era alla porta di casa mia e, dopo non esserci incontrati per decenni, abbiamo iniziato la nostra conversazione intensa, profonda e piena di amicizia e fiducia su tutto quello che è successo in Nicaragua, così come se ci fossimo visti l’ultima volta solo un giorno prima. Mi assicura che “non siamo stati noi ad allontanarci dal sandinismo e dalla rivoluzione, ma Ortega e la sua cricca hanno barattato i loro vecchi ideali per la ricchezza e il potere”. Mi confessa che in qualche modo si sente responsabile dell’attuale situazione in Nicaragua, che in qualche modo è anche il frutto del periodo di governo sandinista negli anni ottanta. Dopo Vilma Núñez e Luis Carrión, lui è il terzo sandinista da cui ho sentito questa riflessione autocritica. Sono proprio coloro che forse meno si sono sporcate le mani coloro che sono più disposti ad analizzare criticamente e autocriticamente il proprio passato politico, mentre gli altri rimangono in silenzio e godono della loro ricchezza rubata.

Fernando è convinto che solo una minoranza della popolazione sostenga ancora Ortega, e molti di loro solo perché sono impiegati del governo o sperano di ottenere da lui un maialino o qualche lamina di zinco.

In serata ho avuto una lunga conversazione con il mio anfitrione Don Gregorio, che, in una rinfrescante miscela di sarcasmo e umorismo, ha identificato molte delle contraddizioni del sistema Ortega-Murillo. È davvero sorprendente e davvero impressionante la quantità di battute e il buon umore che si può ancora trovare tra la gente, nonostante la situazione completamente desolante e deprimente in Nicaragua. Egli percepisce l’attuale situazione del paese, notevolmente aggravata dalla crisi del coronavirus, del modo in cui il malcontento generale della popolazione può essere controllato solo attraverso la manifestazione massiccia e onnipresente del potere armato dei vari corpi di polizia. Il più minimo evento potrebbe essere la scintilla per una nuova esplosione sociale nel paese che potrebbe anche portare al collasso completo del regime. Nessuno sa se un nuovo governo sarà molto meglio. Ma un governo di transizione che rispetti almeno alcuni standard minimi dello stato di diritto sarebbe già un grande passo avanti rispetto alla situazione attuale in cui gli Ortega-Murillo hanno già perso la loro capacità di governare, ma riescono ancora ad aggrapparsi al potere con tutti i mezzi disponibili.

Un altro modo per mostrare il proprio potere e intimidire la popolazione è suonare, nelle rotatorie della capitale o negli edifici governativi nei quartieri di altre città, musica sandinista del tipo “Daniel, Daniel, il popolo va con lui …” a mezzanotte e ripetutamente per molte ore con un volume spaventoso. Nessuno rischia di protestare e di chiedere il silenzio notturno. Ma, al momento, questo non è più un fenomeno generale; queste provocazioni sono piuttosto reazioni eccessive e di sfida di individui orteghisti completamente accecati.

20 marzo

Un giorno per mettere in ordine le mie cose, organizzare i contatti, ottenere una breve impressione di León e verificare quanto fosse sicura la situazione nelle strade. La presenza della polizia in strada è insolitamente bassa, in netto contrasto con la capitale. Di notte, le strade sono quasi completamente vuote. Anche i bar e i ristoranti sono vuoti. Alcuni di loro hanno dovuto rinunciare completamente agli affari. Negli altri, uno o due dei quaranta tavoli sono occupati. León che una volta era un centro commerciale, turistico, vivo e divertente, è diventata una città fantasma.

Nel centro della città, sono state create zone pedonali in tre strade, dove sono state messe lanterne kitsch e piantati alcuni alberi rachitici. Ho l’impressione che i governanti locali, che negli ultimi due anni hanno oppresso, arrestato, torturato e assassinato tanti dei loro concittadini leonesi, ora cerchino di riconciliarsi con la propria gente attraverso alcune modifiche superficiali nel centro di León.

21 marzo

Ho ricevuto un invito a pranzo con un gruppo di sacerdoti e ad ascoltare le loro opinioni sull’attuale situazione del Nicaragua in generale e di León in particolare. Il più grande di loro è una delle persone più importanti per la costruzione dei gemellaggi di base tra Amburgo e León nel decennio del 1980. Si dedicano principalmente al loro lavoro in una scuola secondaria. Ma, naturalmente, si preoccupano anche dell’attuale situazione politica. Dato che alcuni di loro sono di origine straniera, devono stare molto attenti nei loro comportamenti pubblici. Tuttavia, uno di loro partecipò attivamente alle manifestazioni del 2018 contro la dittatura. Ma vedono anche l’interferenza degli Stati Uniti con grande preoccupazione e per questo nutrono grandi speranze nell’Europa. Solo che non ci sono state ancora misure concrete da parte dell’Unione Europea o di uno dei suoi stati membri contro il regime di Ortega-Murillo. A volte si sentono abbandonati in tutto il mondo. Ho anche incontrato gente che pensava che lo stesso nunzio apostolico fosse dalla parte di Ortega. Stando così le cose, il più minimo gesto di solidarietà con la gente e di isolamento di Ortega sarebbe un importante sostegno morale per gli instancabili sforzi popolari per superare l’attuale incubo.

22 marzo

La sindacalista e femminista Anna María non riesce più a fermare le sue lacrime quando parliamo degli ideali con cui una volta, come contadina povera e analfabeta, si era unita alla lotta di liberazione contro Somoza e al FSLN. Ora deve rendersi conto che il suo sogno storico è diventato un sistema basato su bugie, corruzione e violenza brutale. Nel decennio del 1980 la speranza di costruire una società autodeterminata, libera e giusta, ha anche incoraggiato il movimento di solidarietà internazionale a sostenere politicamente il Nicaragua sandinista e a fornire aiuti finanziari per migliaia di progetti di sviluppo economico e sociale.

Per ragioni che non sono merito mio, ho avuto l’opportunità di conoscere di prima mano questo Nicaragua libero, caratterizzato da uno spirito di ottimismo che non avevo mai visto prima. A quel tempo, importanti settori della popolazione e la grande maggioranza dei giovani avevano una volontà illimitata di dare tutto per questo nuovo e libero Nicaragua, senza aspettarsi in cambio alcun vantaggio personale. Migliaia hanno dato la propria vita per questo. In questi giorni non rimane niente di tutto questo. Il lato oscuro della rivoluzione di allora: verticismo, paternalismo, clientelismo, esclusione dei dissidenti, cieca obbedienza alle autorità, machismo, nepotismo, corruzione, doppia morale, coercizione invece di convinzione politica, cinismo e menzogne, tortura e assassinii, terrorismo e pura violenza militare contro il proprio popolo hanno prevalso in tutti i settori della società. Il sogno di tutta la vita di Ana María, per il quale noi due ci siamo impegnati per più di 40 anni, è stato completamente distrutto. Coloro che un tempo avevano sostenuto questo sogno, oggi lo calpestano ogni giorno preferendo dedicarsi al proprio arricchimento personale attraverso inganni, truffe e corruzione.

Ana María mi ha anche detto che ci sono casi in cui la polizia non ha eseguito gli ordini della procura di arrestare uomini che li avevano violentemente maltrattati. La riapertura di alcuni commissariati femminili, dopo averli chiuse per un po’ di tempo, è pura propaganda senza alcun significato pratico. Nessuno ha più fiducia negli organi di polizia. Anche se la violenza contro le donne è un grave problema in Nicaragua, il locale della commissariato della donne di León è completamente vuoto, una ufficiale di polizia di solito è sola e annoiata alla porta per uccidere lì il tempo.

Dal suo punto di vista, anche il sistema sanitario è un disastro. Anche se aveva una malattia grave, ha dovuto andare sette volte in ospedale prima di essere accettata e esaminata come paziente. Quando infine è stata ricoverata, il medico ha immediatamente ordinato un’operazione d’emergenza senza la quale avrebbe potuto perdere una gamba o anche morire. Chi non ha “amici” nelle istituzioni, è perduto. Se un medico prescrive un farmaco specifico che non è nella lista dei servizi di assistenza primaria, deve prima fare una richiesta, che poi viene esaminata dal Ministero della Salute a Managua, che può richiedere molti mesi o, a volte, rimane anche in aria senza una risposta.

Don Gregorio, e specialmente sua moglie, avevano sostenuto la lotta del FSLN, dettero rifugio ai guerriglieri e nascosero le loro armi in un deposito segreto nella loro casa. Quando gli ho chiesto quale dovrebbe essere il compito di solidarietà più importante in questo momento, non ha esitato a dire: “Sanzioni!”. Alla mia obiezione che questo potrebbe significare che anche la popolazione dovrebbe soffrire, ha risposto con un sorriso: “Allora vediamo chi può sopportarlo di più! Finora, abbiamo sofferto solo noi sotto il governo di Ortega, in caso di sanzioni almeno devono soffrire anche loro!”.

Oggi è stato ucciso per strada da due persone mascherate il giovane politico liberale Rommel A. Hernández nel villaggio di Wiwilí, nel nord del paese. Questo è il quarto omicidio di un impiegato della città governata dal PLC. L’organizzazione per i diritti umani CENIDH nel 2019 aveva già denunciato altri 17 casi in cui contadini del nord del Nicaragua, che avevano partecipato alle proteste contro il governo di Ortega, sono stati assassinati da unità paramilitari. È il terrore assoluto che regna lì. C’è una diffusa atmosfera di intimidazione, paura, rabbia impotente, ma anche la paziente speranza che una qualsiasi delle tante scintille che l’orteghismo provoca costantemente porterà ad un movimento popolare di massa, che questa volta metterà definitivamente fine al regime dittatoriale.

23 marzo

Il mio incontro con due rappresentanti di una cooperativa di pesca è stato un’esperienza incredibilmente impressionante, perché ha dimostrato che in Nicaragua non solo ci sono ancora nepotismo e corruzione, ma anche iniziative di base di auto-organizzazione. I membri di questa cooperativa, la maggioranza dei quali sono donne, cercano di guadagnarsi da vivere con il lavoro di base (pesca, raccolta di conchiglie e commercializzazione di questi prodotti) e allo stesso tempo di migliorare le condizioni ambientali naturali (rimboschimento delle mangrovie) e il rafforzamento associato alla sostenibilità della produzione dei loro prodotti.

Ma ha anche dimostrato che l’attuale regime non ha alcun interesse a sostenere tali sforzi. Indipendentemente dalla situazione economica della cooperativa, deve pagare diverse tasse: 30.000 córdobas all’anno al Comune, tasse allo stato, una tassa sul numero della barca, tasse al Ministero della Salute, eccetera. Per qualsiasi approvazione, fatturazione, gestione della licenza e altre procedure burocratiche devono recarsi a Managua, spesso senza ricevere i documenti o le risposte necessarie. Sembra che l’apparato statale, gonfiato da una moltitudine di orteghisti fedeli, stia combattendo una battaglia burocratica contro qualsiasi tentativo di auto-organizzazione orientato alla sostenibilità economica di queste cooperative. Ma nonostante tutte queste avversità, la cooperativa sta lottando instancabilmente per la propria sopravvivenza e sta anche cercando di espandere la propria attività. Merita tutto il sostegno che possiamo organizzare.

Juana è coinvolta anche in un progetto di base: è un asilo che si occupa principalmente di bambini di famiglie povere con un approccio pedagogico alternativo. Insieme ad altre due lavoratrici, lavora per sostenere bambini provenienti da ambienti sociali difficili, rafforzare la loro personalità e sviluppare la loro stessa iniziativa. In questo modo, offrono loro un’alternativa costruttiva alla violenza e alle droghe. Questa maestra è anche impegnata con i bambini che più hanno bisogno di un sostegno pedagogico e sociale. Non solo è altamente qualificata professionalmente per questo compito, ma si caratterizza anche per un idealismo che merita solo ammirazione, riconoscimento e sostegno.

È stato estremamente interessante parlare con Humberto e Arturo, due veterani della lotta di liberazione in Nicaragua. Come critico dell’orteghismo, devo sempre chiedere a me stesso e accettare che mi si chieda fino a che punto la mia critica sia veramente giustificata. Humberto era attivo nel Partito Socialista PSN (che è il tradizionale Partito Comunista del Nicaragua) contro Somoza già nel decennio del 1950, prima di unirsi al FSLN. Molti importanti quadri del FSLN in precedenza erano membri del PSN, come Carlos Fonseca Amador, Tomás Borge, Herny Ruiz e molti altri. Arturo è giornalista e professore di giornalismo in pensione. Ha formato molti dei giornalisti che avrebbero poi svolto un importante ruolo in Nicaragua come sandinisti o con altri orientamenti politici. Per esempio, William Grigsby, che oggi, attraverso la sua stazione Radio La Primerísima, comunica apertamente che i “paramilitari” sono persone come lui che sono pronte a difendere il potere di Ortega con le armi in mano. I miei due interlocutori sono convinti che l’attuale dirigenza del FSLN, che non era del tutto d’accordo se Ortega fosse ancora al comando o se la Murillo avesse già assunto il comando, aveva gettato via tutta l’etica politica e sta solo conducendo una lotta disperata per preservare il suo potere e la sua ricchezza.

24 marzo

È il 40° anniversario dell’assassinio dell’arcivescovo di El Salvador, Romero. Immediatamente prima di essere ucciso dagli squadroni della morte, aveva chiamato i soldati del paese a non obbedire agli ordini di reprimere e uccidere la loro stessa gente.

Oggi posso tornare a Managua con Fernando. È specializzato nella gestione di progetti. Mi spiega che in Nicaragua non c’è mai stata una corruzione così spudorata e un arricchimento illecito di tali dimensioni come c’è oggi. Non c’è nessun progetto che sia stato approvato senza pagare una tangente al direttore responsabile. Ciò vale anche per l’acquisto di materiali per la polizia o l’esercito, per i progetti locali dei municipi, per l’acquisto di farmaci, per progetti della società di acquedotti e fognature, del Ministero della Famiglia, eccetera. Anche le rispettive gare d’appalto sono di solito truccate. Naturalmente, tutto ciò è illegale e proibito. Ma il regime di Ortega non interviene contro queste pratiche, per poter ricattare le persone coinvolte e, in tal modo, legarle politicamente al suo potere. Fernando mi spiega che, in questo modo, molti alti funzionari governativi della pubblica amministrazione sono diventati miliardari. Nel nostro cammino per Managua abbiamo attraversato due enormi fattorie, la prima proprietà dell’ex capa della polizia, Aminta Granera, e la seconda di Chico López, uno degli informatori più vicini a Ortega.

Giungendo a Managua, mi metto in comunicazione con l’ambasciata tedesca per verificare le opzioni per tornare in Europa. Il governo tedesco sta preparando un volo di ritorno dal Nicaragua per la Germania. L’ambasciata, dal 16 marzo, ha inviato a tutti i tedeschi interessati un “Rapporto per i concittadini” per informare sulla situazione della pandemia di coronavirus in Nicaragua e sul previsto volo di ritorno. Mi sono iscritto alla lista, anche se mi sento assolutamente al sicuro nella casa dove sono alloggiato. Ma non si sa mai quando avrei avuto la prossima occasione per tornare in Europa, così ho deciso di approfittare del volo organizzato dalla Germania.

Nei prossimi giorni diventerà sempre più chiaro che il Nicaragua non è in alcun modo preparato ad affrontare una situazione in cui il coronavirus sarebbe comparso nel paese. Invece di attuare le misure di isolamento sociale raccomandate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 14 marzo il governo ha addirittura organizzato una sfilata di carnevale con il motto “Amore ai tempi di Covid-19”. Il Nicaragua ha un numero limitato di ventilatori (le stime attuali suggeriscono 50 dispositivi di questo tipo) e, come ho detto più volte in questa relazione, il suo sistema sanitario è in uno stato catastrofico. Inoltre, per il mio lavoro nel movimento di solidarietà, può anche essere più importante stare in Europa e informare sulle mie esperienze qui che rimanere in Nicaragua senza nessuna opzione reale d’azione. Molti dei miei contatti avevano già cancellato degli incontri con me, per ragioni di sicurezza. Inoltre, i rapporti critici del Nicaragua potrebbero essere facilmente interpretati da parte delle autorità come una “interferenza politica dall’esterno” o anche un’attività “terroristica” e “golpista”. Negli ultimi giorni, il governo nicaraguense aveva nuovamente avvertito esplicitamente le missioni diplomatiche straniere che agli stranieri in Nicaragua non è permesso partecipare ad attività politiche e che potrebbero essere espulsi in caso di violazioni di questa regola.

25 marzo

Il mio primo incontro di oggi si svolge a casa di Edgar, un noto attivista per i diritti umani in Nicaragua. Di fronte alla crisi del Covid-19, si lamenta particolarmente della segretezza ermetica del governo. La gente non si fida più del governo. Il governo tratta l’opposizione, che chiede misure precauzionali contro il virus, come “terroristi golpisti”. A tutt’oggi, in Nicaragua ci sono solo due casi ufficialmente confermati di persone infettate, una delle quali è già morta. Il sistema sanitario è molto centralizzato, ma funziona anche in modo molto burocratico. Tutte le cliniche devono inviare i casi sospetti di persone infette al Ministero della Salute. Nonostante ciò, solo ai pazienti con sintomi chiari di Covid-19 e anche a quelli che avevano contatti con l’estero si effettua un test per il coronavirus. Altri vengono inviati a casa senza aver fatto un test e senza che loro o il loro medico sappiano se sono infetti o no. Gli ospedali privati non sono autorizzati a fare test per il virus. Diversi specialisti in pneumologia ed epidemiologi hanno avvertito che il governo sta minimizzando i pericoli di questa pandemia. Tutto questo aumenta enormemente l’incertezza della popolazione. Qualsiasi persona indossi una mascherina protettiva in pubblico indica chiaramente che non si fida dei rapporti del governo. Sebbene le scuole e le università fossero ancora aperte fino a due giorni fa, molti genitori non mandavano più i figli a scuola, e solo pochi studenti partecipavano ai seminari e alle lezioni. Tuttavia, si è subito saputo che i 21 nipoti della coppia dittatoriale avevano smesso di andare a scuola molto tempo fa, perché vanno alla scuola tedesca che, per pressione dei genitori, era già stata chiusa una settimana prima.

Per quanto riguarda la situazione politica generale, Edgar spiega che ci sono molti interessi personali all’interno dell’opposizione e che ovviamente è molto difficile creare una reale coesione di tutte le forze d’opposizione con l’obiettivo comune di rovesciare la dittatura. Teme anche che gli Stati Uniti cerchino di aumentare la loro influenza sulle strutture dell’opposizione.

Al mio secondo appuntamento, parlo con l’avvocato e professore universitario Héctor e sua moglie, con cui ho avuto una stretta amicizia dalla metà degli anni ottanta. Allora erano membri del FSLN, ma si sono allontanati da questo partito nella misura in cui è diventato sempre più uno strumento degli interessi personali di Ortega e della sua famiglia.

Vede anche il pericolo che il governo degli Stati Uniti cerchi di espandere la propria influenza sull’opposizione in Nicaragua. Segnala che il partito relativamente nuovo Cittadini per la Libertà (Cxl) ha come consiglieri tre figure, che sono molto a destra nello spettro politico, ma che non si erano mai unite prima ad un partito politico: Arturo Cruz jr. , Bosco Matamoros Hüeck (entrambi ex capi della contra) e Humberto Belli (ex ministro dell’istruzione nel governo Chamorro). Cxl non si è ancora unito alla Coalizione Nazionale perché dice che la coalizione è infiltrata dal sandinismo, riferendosi al fatto che anche il partito MRS (Movimento Rinnovatore Sandinista, che si è separato dal FSLN nel decennio del 1990) di orientamento socialdemocratico fa parte della Coalizione Nazionale.

In occasione della recente visita di una delegazione del parlamento tedesco in Nicaragua, egli ha spiegato ai parlamentari quanto fosse importante congelare qualsiasi cooperazione con le istituzioni statali nicaraguensi fino a quando le condizioni democratiche non fossero tornate a prevalere in Nicaragua. Un membro della delegazione si è opposto a tale posizione, affermando che la mancanza di sostegno, ad esempio, a progetti di acqua potabile, avrebbe danneggiato tutta la popolazione. Héctor, così mi ha detto, gli rispose: “Ma a che serve l’acqua potabile se devo mandare mio figlio all’estero perché i gruppi fanatici dell’attuale governo lo minacciano di morte?”.

È convinto che sia essenziale avviare un dialogo con il governo per concordare standard minimi per lo svolgimento di elezioni democratiche e trasparenti. Ma tale dialogo avrà luogo solo se dall’esterno si eserciterà una massiccia pressione politica e finanziaria sul regime di Ortega. Tuttavia, a questo riguardo, le politiche della Germania e anche dell’Unione Europea lasciano molto a desiderare.

Alla fine del pomeriggio incontro Fernando, un giornalista che ha partecipato alla formazione dei primi sindacati e partiti operai in Nicaragua dal decennio del 1940, che durante la rivoluzione sandinista è stato membro del FSLN, deputato nel Consiglio di Stato ed editore responsabile di questioni politiche nel quotidiano Barricada del FSLN. Pubblica ancora commenti critici, pungolando i vacillanti dell’opposizione e invitando i settari a moderarsi per rafforzare l’unità necessaria in questi giorni.

Nessuna delle persone menzionate in questo testo ha ricevuto qualche favore o qualche prebenda dal governo. Ad alcune di loro furono offerte alte cariche o beni materiali per metterle a tacere. Ma per loro questa non fu mai un’opzione. Nelle attuali condizioni tutte e tutti possono permettersi il lusso di esprimere apertamente le proprie opinioni politiche, perché non possono essere ricattati, perché non hanno mai partecipato ad affari sporchi. Le loro uniche restrizioni consistono nella minaccia e nell’esecuzione della repressione statale, contro la quale devono proteggersi in diversi modi.

26 e 27 marzo

La crisi del coronavirus si è già diffusa in tutto il paese. Non è più possibile avere un altro contatto. Molte strade sono deserte. La gente non si fida del governo. Sebbene le autorità sanitarie abbiano proibito al personale ospedaliero di indossare mascherine protettive, presumibilmente per non creare panico, sempre più persone ottengono mascherine, guanti protettivi e disinfettanti. La metà con battute metà sul serio, un tassista, che usava anche una mascherina protettiva, mi ha detto che le mascherine protettive erano la nuova versione dei globi blu e bianchi: chiunque indossi una mascherina non si fida del governo, e chi non ne indossa una, è disposto a rischiare la propria salute e la propria vita per il “comandante”. Ma le strade sono vuote e sempre più persone indossano mascherine.

Nella notte tra il 26 e il 27 marzo, cinque leader indigeni mayagna delle comunità Wasakin e Ibu sono stati uccisi dai coloni che tentavano di impadronirsi illegalmente delle loro terre. Questi omicidi non sono casi isolati. Ma questi crimini non sono indagati dalla polizia e i loro autori non sono portati davanti alla giustizia. Da diversi anni, le organizzazioni per i diritti umani stanno segnalando che contadini e indigeni vengono uccisi in aree remote del nord e dell’est del paese, senza che si faccia nessuna indagine su questi casi. Questi avvenimenti fanno parte della “normalità” dell’attuale Nicaragua.

Guardo i miei appunti e scrivo il mio rapporto. Il mio viaggio è stato molto diverso da quello che avrei pensato. Nonostante ciò, ho potuto ottenere impressioni importanti e profonde sulla società nicaraguense in questo momento. La gente ha grandi speranze nel sostegno internazionale. Non dobbiamo deludere queste speranze né lasciare questo popolo al suo destino.

28 marzo (partenza)

Oggi sono andato presto all’aeroporto “Augusto C. Sandino”. Quando sono arrivato in tempo alle 7.00, la sala del check-in era già affollata con circa 200 persone che volevano tornare in Europa con il volo di ritorno del ministero degli esteri tedesco. Oltre ai tedeschi, c’erano anche passeggeri del Regno Unito, della Francia, Grecia, Spagna, Nicaragua, Malta e di altri paesi. L’ambasciata tedesca a Managua aveva preparato questo viaggio, il primo di due, molto bene e ha gestito i partecipanti in modo rapido e professionale.

Parlo con Hans-Peter, un impiegato dell’ambasciata. Dopo averlo ringraziato per questa azione, condivido anche la mia critica della politica di pacificazione dell’ambasciata tedesca con il regime di Ortega. Pur comprendendo la mia posizione, egli sottolinea che la politica estera tedesca ha compiti diplomatici e non di agire contro il governo di Ortega. Era anche importante che l’ambasciata avesse ancora certi canali di comunicazione con il regime, che nessun’altra ambasciata a Managua aveva da offrire. L’ambasciatore tedesco è l’unico diplomatico straniero presente alla proclamazione della Coalizione Nazionale. Hans-Peter ritiene che la diplomazia e la solidarietà indipendente svolgano due ruoli diversi, ma si completano l’una con l’altra. Le attività di protesta pubblica del movimento di solidarietà costituirebbero anche un importante impulso per sostenere gli sforzi diplomatici dell’ambasciata, il cui obiettivo è creare le condizioni per svolgere in Nicaragua elezioni democratiche e trasparenti. Dovremmo assolutamente continuare le attività critiche del movimento di solidarietà.

Sono ancora convinto che attualmente il popolo del Nicaragua abbia bisogno soprattutto di un chiaro sostegno dall’estero e non di abili mediatori. L’unico linguaggio che Ortega comprende è quello di una massiccia pressione politica ed economica.

Riassunto

È ovvio che il Nicaragua paralizzato non potrà continuare a funzionare nel modo attuale. Il nocciolo duro dell’orteghismo si aggrappa al potere. Il popolo, in gran maggioranza, è completamente scontento e sta solo aspettando l’occasione giusta per mettere fine alla dittatura Ortega-Murillo.

In Nicaragua c’è un’atmosfera nella quale si può sentire quasi fisicamente il peso asfissiante dell’aria. In ogni angolo della capitale ci sono gruppi di poliziotti, sia gli azzurri, le normali unità della Polizia Nazionale, sia i neri, le unità di controinsurrezione. Più e più volte circolano colonne di due o fino a dieci camionette, le luci intermittenti accese. Nelle aree di carico ci sono circa 10 uomini e donne in uniforme, molto giovani, magri e ben addestrati, con equipaggiamenti protettivi e le loro armi della polizia e da guerra. Tutti i passanti, me compreso, vogliono non vedere nulla di questa minacciosa presenza della polizia. Tutti noi cerchiamo di evitare qualsiasi tipo di attenzione per non entrare nel mirino di questo potere statale dall’aspetto marziale.

In pubblico tutti evitano di parlare di politica. Nelle strade non ci sono neppure i manifesti politici. Anche all’interno di molte famiglie, non si discute più di politica perché questo sembra essere l’unico modo per evitare che i matrimoni o intere famiglie si separino. Ci sono diverse linee di rottura: ci sono molti casi in cui la generazione dei genitori sandinisti è fedele al proprio “comandante”, che, come molti vedono, ha dato loro una certa promozione culturale e sociale, mentre grandi settori della gioventù vogliono semplicemente vivere e lavorare in pace senza doversi sottomettere a nessun capo. Nel caso delle coppie binazionali, la parte nicaraguense sta più dalla parte di Ortega, mentre il compagno/a straniero/a prende spesso una posizione chiaramente anti-dittatoriale.

La dirigenza del FSLN esige dai suoi seguaci una “disciplina di partito” assoluta, il che significa che bisogna eseguire qualsiasi comando dall’alto senza alcuna discussione. Questo principio non è nuovo ed è sempre stato di grande importanza, soprattutto nel caso delle frodi elettorali degli ultimi anni. Ma non si è mai insistito su questo principio autoritario così rigorosamente come lo stanno facendo attualmente. Al tempo stesso, ci sono due movimenti opposti nel campo orteghista: da un lato, c’è un’insoddisfazione diffusa tra i sostenitori, che si manifesta in diversi modi (critica della presidenza “eterna” di Ortega, scontento della vicepresidente, lamentele sulla cosiddetta gioventù sandinista, la corruzione, la cooperazione con il grande capitale, eccetera). D’altro canto, alcuni elementi in precedenza critici, che si considerano sandinisti non orteghisti, si sentono messi alle strette dalle massicce critiche dell’opposizione e si orientano nuovamente verso Ortega-Murillo.

Ciò che non c’è in questo campo è una critica fondamentale della politica della coppia presidenziale, dei numerosi assassinati e feriti, della persecuzione politica, del verticismo (“disciplina di partito”), del nepotismo, dell’arricchimento della famiglia Ortega-Murillo, della repressione della polizia e militare … e neppure dell’esistenza e delle azioni dei paramilitari orteghisti.

Tutti i miei intervistati hanno confermato che attualmente è solo una minoranza che sta dietro Ortega. Molta gente sta aspettando le elezioni. Ma pochi credono veramente ad elezioni democratiche e trasparenti. Finora non vi sono segnali che Ortega sia disposto a negoziare con l’opposizione un processo elettorale che possa essere accettato da tutte le parti come legittimo.

C’è una generale mancanza di conoscenza su come l’opposizione sia strutturata. Quasi nessuno conosce il rapporto tra le tre grandi organizzazioni, l’Unità Nazionale Azzurra e Bianca (UNAB), l’Alleanza Civica per la Giustizia e la Democrazia e la Coalizione Nazionale dell’Opposizione. Molte persone non sanno quale formazione funzioni per quali obiettivi specifici. La maggior parte dei miei contatti aveva la speranza e la fiducia che le diverse forze del movimento d’opposizione riusciranno in qualche maniera a trovare un modo comune per rovesciare attraverso le elezioni il regime Ortega-Murillo. Ma nessuno sapeva realmente come avrebbe potuto essere organizzato questo cammino.

Conclusioni

L’orteghismo ha distrutto il Nicaragua. L’economia è a terra. Il paese è profondamente diviso, la frattura attraversa tutta la società, tutte le famiglie, ogni isolato, ogni paese. Anche se ci saranno elezioni minimamente democratiche e Ortega sarà sconfitto, passeranno molti anni prima che questo, ripetuto, trauma di potere, di violenza e di arbitrarietà possa essere superato. Raramente nella storia c’è stato un governante assolutista così onnipotente come Ortega negli ultimi due anni. Lui può ordinare tutto quello che vuole nel Nicaragua di oggi, può nominare o destituire qualsiasi magistrato, ufficiale dell’esercito o della polizia, professore universitario, direttore dell’amministrazione, delegato, ingegnere o impiegato pubblico, può ordinare qualsiasi operazione di polizia, qualsiasi esproprio di beni o esenzioni dalle imposte, destituire qualsiasi medico la cui diagnosi non gli piaccia, ordinare l’arresto o la liberazione di qualsiasi cittadino del paese, decidere quali leggi deve rispettare e quali può violare, scegliere quale canale televisivo chiuderà e quale canale regalerà ad uno dei suoi figli, comandare il blocco di un intero distretto di Managua in modo che la sua figlioletta preferita possa celebrare lì il suo ostentato matrimonio, decretare qualsiasi aumento delle tasse o riduzione delle pensioni, comandare l’assassinio di qualsiasi persona che sia caduta in disgrazia e ordinare qualsiasi assalto perpetrato dai suoi fanatici paramilitari, ma non può più governare il paese. Dall’apparizione del coronavirus, non si era presentato in pubblico per cinque settimane. Già prima della corona crisi, non c’era un presidente. Ora si sentono da tutte le parti speculazioni sulla questione: “Chi ha davvero il comando nella casa presidenziale di El Carmen? Ortega o sua moglie e vicepresidente Murillo?”. Ma questo non ha nessuna importanza. Ciò che conta veramente è unire le forze e fare tutto il possibile affinché questa dittatura assurda e anacronistica scompaia il più presto possibile.

04/05/2020

Rebelión

Traduzione del Comitato Carlos Fonseca:
Matthias SchindlerNicaragua bajo Daniel Ortega y el coronavirus” pubblicato il 04/05/2020 in Rebelión, su [https://rebelion.org/nicaragua-bajo-daniel-ortega-y-el-coronavirus/] ultimo accesso 15-05-2020

, , ,

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)