Almeno due morti nelle manifestazioni ad Haiti contro l’aumento dei prezzi e per la caduta del Governo


Migliaia di persone hanno manifestato nella capitale haitiana e nelle principali città del paese per protestare contro l’inflazione galoppante e chiedere l’uscita del presidente, Jovenel Moïse, con un saldo di almeno due morti e 14 poliziotti feriti.

“Due anni fa Jovenel promise di riempire i nostri piatti, io non mangio menzogne”, ha affermato Josué Louis-Jeune battendo su un piatto di metallo con un cucchiaio. “Questo presidente è solo un fanfarone, deve andarsene”, ha aggiunto il manifestante a Port-au-Prince.

Violenti scontri sono scoppiati nella capitale tra gli oppositori più radicali e gli agenti di polizia che hanno usato i gas lacrimogeni e hanno sparato ripetutamente munizioni in aria per disperdere la folla.

Un gruppo di manifestanti ha incendiato vari veicoli e ha cercato, invano, di dar fuoco ad una pompa di benzina.

Oltre ai due manifestanti morti, la polizia ha dichiarato che la giornata di proteste ha lasciato 14 poliziotti feriti, principalmente per il lancio di pietre.

L’economia haitiana, indebolita da un’inflazione di più del 15% per due anni, sta affondando a causa di un’accelerata svalutazione della moneta nazionale, il gourde, rispetto al dollaro statunitense, che aumenta i prezzi dei prodotti di prima necessità, i maggiormente importati.

“Non possiamo sopportare questa crisi economica: non abbiamo elettricità né sicurezza, e ora i venditori di farina e pane hanno deciso di chiudere le loro porte a causa dell’inflazione”, ha detto Ulrich Louima a Port-au-Prince.

Organizzate nell’anniversario della fine della dittatura di Duvalier, il 7 febbraio 1986, le manifestazioni dell’opposizione chiedono un rafforzamento delle istituzioni dello stato, contaminate dalla corruzione.

La settimana passata, il Tribunale Superiore dei Conti ha emesso un rapporto di revisione contabile sulla funesta gestione e le possibili appropriazioni di fondi prestati dal 2008 ad Haiti dal Venezuela per finanziare il suo sviluppo economico e sociale.

Circa 15 ex ministri e alti funzionari sono stati segnalati nel documento, così come una impresa diretta in quel momento dall’attuale presidente, identificata come beneficiaria di fondi per un progetto di costruzione di una strada senza che fosse firmato qualche contratto.

8 febbraio 2019

Resumen Latinoamericano

 

Traduzione del Comitato Carlos Fonseca:
Al menos dos muertos en manifestaciones en Haití contra el alza de los precios y para que caiga el Gobierno” pubblicato il 08/02/2019 in Resumen Latinoamericano, su [http://www.resumenlatinoamericano.org/2019/02/08/al-menos-dos-muertos-en-manifestaciones-en-haiti-contra-el-alza-de-los-precios-y-para-que-caiga-el-gobierno/] ultimo accesso 11-02-2019.

, ,

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)