“La vigilanza non ha per nulla aiutato”: gli studenti dopo l’attacco dei “porros” alla manifestazione pacifica nell’UNAM


Redazione Desinformémonos

“La vigilanza non ci ha per nulla aiutato, non credere nulla di quello che dice, di aver aiutato. Siamo arrabbiati per questo”, ha detto una delle studentesse dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), dopo un’assemblea effettuata nella Facoltà di Psicologia per decidere le misure da prendere dopo l’attacco dei “porros”* alla manifestazione pacifica dei giovani dell’Istituto di Scienze e Lettere (CCH) Azcapotzalco dello scorso lunedì.

video: https://desinformemonos.org/wp-content/uploads/2018/09/uLtRbTyAPf-WiIWE.mp4?_=1

Gli studenti del CCH Azcapotzalco, che dalla scorsa settimana hanno iniziato uno sciopero, hanno guidato una manifestazione nella Città Universitaria (CU) per chiedere maggiore sicurezza nell’istituto, una chiarimento sugli stanziamenti, l’espulsione dei gruppi di “porros”, tra le varie richieste. Alla protesta si è unito il CCH Oriente per chiedere giustizia per il femminicidio di Miranda Mendoza, studentessa dell’istituto che è stata sequestrata e il cui corpo è stato ritrovato calcinato nella strada per Chalco, nello stato del Messico. Alla manifestazione hanno partecipato anche gli alunni dei corsi propedeutici 5, 6 e 9 dell’UNAM e dei CCH Vallejo e Naucalpan, così come di alcune Scuole Superiori.

Quando i giovani del CCH Azcapotzalco si sono fermati accanto all’edificio del Rettorato della CU per leggere le loro richieste, i gruppi di “porros” “32” del CCH Azcapotzalco, il gruppo “3 di marzo” del CCH Vallejo e la “FEN” del Naucalpan hanno attaccato con pietre, bombe e bastoni gli studenti che partecipavano alla protesta.

video: https://desinformemonos.org/wp-content/uploads/2018/09/CzhWZAJcjMJb3h9M.mp4?_=2

Nell’attacco ci sono stati almeno 14 feriti, tra i quali si trova un giovane che ha perso un orecchio, un ragazzo di 19 anni con bruciature su un gluteo e un altro di 21 con una frattura del setto nasale, così come vittime di coltellate e bastonature.

Secondo le dichiarazioni dell’UNAM, il personale di vigilanza non ha potuto contenere l’aggressione, nonostante che gli studenti affermino che non hanno mai cercato di intervenire. I giovani hanno, inoltre, identificato come uno degli istigatori del gruppo di “porros” Teófilo Licona, che è coordinatore del Soccorso UNAM. Tanto le autorità dell’UNAM come del CCH hanno condannato “energicamente” i fatti e hanno dichiarato che procederanno a denunciare i responsabili della violenza contro la manifestazione pacifica.

“Quanto successo non è stato, come suggeriscono i comunicati ufficiali dell’UNAM e come dicono esplicitamente alcuni media, un casino, frutto di uno scontro tra distinti gruppi di studenti. Si tratta di un attacco dei “porros”, orchestrato dalle autorità dell’Università per disarticolare l’organizzazione studentesca indipendente”, ha dichiarato la Commissione per la Comunicazione della Facoltà di Filosofia e Lettere.

Alla fine dell’aggressione dei gruppi di “porros”, i giovani hanno ripreso la loro concentrazione per ri-esigere le proprie richieste, e varie facoltà dell’università hanno convocato delle assemblee urgenti per decidere le azioni da prendere per l’attacco.

Le facoltà che hanno concordato di iniziare uno sciopero di 48 ore sono state quelle di Filosofia e Lettere, Scienze Politiche e Sociali e Psicologia, mentre per questo martedì sono state convocate delle assemblee nelle altre facoltà, nei corsi propedeutici e nei CCH.

Tra le richieste espresse nelle assemblee si trovano la democratizzazione dell’educazione, la trasparenza delle risorse dell’UNAM, l’adempimento delle richieste del CCH Azcapotzalco, l’inclusione delle lotte femministe, il chiarimento sul femminicidio di Miranda Mendoza e l’apparizione in vita della studentessa Mariela Vanessa.

Foto: Diego Uriarte Fotografías

4 settembre 2018

Desinformémonos

*Porro (tonto): gruppi di destra che cercano di ostacolare la vita accademica e organizzativa degli studenti, e che sono protetti da partiti politici, dallo stato e da dirigenti universitari (ndt).

Traduzione del Comitato Carlos Fonseca:
Redacción DesinformémonosVigilancia no ayudó en nada: estudiantes tras el ataque porril a la movilización pacífica en la UNAM” pubblicato il 04/09/2018 in Desinformémonos, su [https://desinformemonos.org/vigilancia-no-ayudo-en-nada-estudiantes-tras-el-ataque-porril-a-la-movilizacion-pacifica-en-la-unam/] ultimo accesso 05-09-2018.

,

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)