Cile: A tre anni dalla morte dell’ambientalista Macarena Valdés, femministe anticapitaliste occupano la Procura


Tomás González F.

Anche a Santiago è stata portata a termine un’occupazione nella Procura Nazionale per i 3 anni senza Giustizia per Macarena Valdés, dando inizio al mese “Memorie di Ribellioni Femministe”, convocato dal Coordinamento Femminista 8M.

Questo mercoledì, all’alba la Procura è stata occupata da donne femministe che hanno protestato nel quadro del terzo anniversario della morte dell’attivista mapuche e difensora della terra, Macarena Valdés, che dopo anni di azioni contro l’installazione di una diga idroelettrica della transnazionale oggi conosciuta come RP-Arroyo, è stata trovata morta in strane circostanze il 22 agosto 2016 a Tranguil.

Con l’occupazione, le femministe si rivolgono allo stato per l’assenza di verità e giustizia durante tre anni di “impunità imprenditoriale”. Così lo ha spiegato la portavoce del gruppo e sopravvissuta della “Venda Sexy”, Beatriz Bataszew.

“Noi oggi stiamo chiedendo a questo sistema di giustizia etero patriarcale e capitalista di fare giustizia, che non continui l’impunità in relazione ai crimini delle donne”, ha anche detto l’attivista del Collettivo di Donne Sopravvissute Sempre Resistenti.

Con questa azione si dà inizio al Mese di Memorie di Ribellioni Femministe che, per il secondo anno consecutivo, è convocato dal Coordinamento Femminista 8M, e che cerca di continuare la tessitura di quel filo rosso delle donne che hanno lottato contro la dittatura dicendo “Siamo di Più”. Su questo, la Bataszew ha dichiarato che onorerà le donne lottatrici seguendo il loro cammino.

“È un mese che rivendica la lotta delle donne lungo la storia e noi onoriamo le nostre donne sollevandoci e seguendo il loro cammino di lotta”, ha segnalato la psicologa.

Il mese riunirà donne sopravvissute alla dittatura, femministe di diverse lotte e attiviste per la memoria e i Diritti Umani. Saranno realizzate azioni e commemorazioni tra il 22 agosto e il 13 ottobre, e per l’11 settembre è stata convocata una giornata di protesta “contro le attuali politiche di precarizzazione, estrattivismo, criminalizzazione e razzismo dello stato e degli impresari”.

In un’azione della memoria, inoltre, portata a termine a Temuco, Rubén Collío, il vedovo di Macarena Valdés, è stato arresto dai Carabinieri del Cile. In un video virilizzato attraverso le reti sociali, si vede la gente che lo accompagna che afferma che “lui non stava facendo nulla”, venendo ignorati dagli uomini in divisa, che hanno finito con il portarsi via il vedovo della defunta attivista.

Video arresto di Rubén Collío: WhatsApp-Image-2019-08-22-at-09.52.20.jpeg

Radio UChile

22 agosto 2019

Resumen Latinoamericano

Traduzione del Comitato Carlos Fonseca:
Tomás González F., Chile. A tres años de la muerte de la ambientalista Macarena Valdés, feministas anticapitalistas ocupan Fiscalía” pubblicato il 22/08/2019 in Resumen Latinoamericano, su [http://www.resumenlatinoamericano.org/2019/08/22/chile-a-tres-anos-de-la-muerte-de-la-ambientalista-macarena-valdes-feministas-anticapitalistas-ocupan-fiscalia/] ultimo accesso 24-08-2019.

, , ,

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)